'Non scrivo, non suono, ma inciampo nei sogni'

Campi Salentina. L'evento si svolgerà presso l'associazione “Meticcia” con Valeria Vaglio e Alessandra Nicita

Il 6 gennaio, l'Associazione Meticcia ospita in esclusiva per il Salento lo spettacolo di Valeria Vaglio e Alessandra Nicita “Non scrivo, non suono ma inciampo nei sogni”. Si tratta di una performance eclettica ed estemporanea in cui – come dicono le artiste – “le note si incastrano tra le righe di un quaderno e le parole tra quelle di un pentagramma. Il suono ruba spazio al silenzio che diventa poesia, musica, colore.” Così, attraverso Valeria Vaglio e Alessandra Nicita, due arti si incontrano e si contaminano: la musica e la poesia. La Vaglio, cantautrice e musicista di lunga esperienza, è reduce da numerosi successi, l'ultimo dei quali è l'uscita nel maggio scorso del suo album, “Uscita di insicurezza” (Carosello/Artist First), secondo lavoro dell'artista che ha esordito nel 2008, partecipando a Sanremo nella categoria Giovani con il testo “Ore ed ore”, pubblicato poi nell’album “Stato innaturale” (RCA/Sony Music). É inoltre un’attiva sostenitrice di Amnesty International. Nel 2009 si esibisce in occasione della “Giornata mondiale contro l’omofobia” e de “La giornata contro la violenza verso le donne” (concerto organizzato da Amnesty International); fa da testimonial alla campagna contro la violenza sulle donne promossa dall’Udi (Unione Donne Italiane) e partecipa alla manifestazione “Donne in musica per l’Abruzzo”. Alessandra Nicita, dopo il primo successo letterario del suo “Sono stata molto delusa dai mirtilli”, è in procinto di pubblicare la sua seconda raccolta poetica “Spegni la Luna”, che dà anche il titolo a una canzone nata dalla collaborazione con la Vaglio e che darà nome all'esordio discografico della Nicita: di tutto questo ci sarà un'anteprima il 6 gennaio presso l'associazione “Meticcia”, in Via Taranto n. 10 (vicino Piazza Libertà e Municipio) a Campi Salentina, a partire dalle ore 18.30 (ingresso libero).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!