A Gallipoli l'Ecocentro per i rifiuti differenziati

Nella piattaforma temporanea si convoglieranno i rifiuti ingombranti e di difficile smaltimento che creano discariche a cielo aperto

Un incontro pubblico dell'Amministrazione Comunale per illustrare a cittadini e residenti il progetto della realizzazione dell'Ecocentro in via Pasolini, nel Peep 3. Si è conclusa con questo intento la riunione svoltasi tra il direttivo dell'associazione “Città Nuova” e l'assessore all'Ambiente Cosimo Alemanno, incentrato sulla nuova struttura destinata a centro di raccolta temporanea dei rifiuti differenziati. “La riunione – ha spiegato l'assessore Alemanno – è servita per chiarire alcuni aspetti della questione che l'esecutivo ritiene prioritari, primo su tutti il fatto che il sito sarà realizzato nel pieno rispetto delle normative vigenti, video sorvegliato e presidiato, a garanzia dei cittadini. L'ecocentro intende dare risposte sul versante del decoro urbano e nascendo su questi presupposti sarà una realtà destinata a risolvere e non a creare problemi per la tutela ambientale”. L'assessore ha spiegato agli esponenti del sodalizio di quartiere l'iter tecnico-amministrativo che porterà al sorgere della piattaforma ambientale, nella quale si convoglieranno i rifiuti ingombranti e di difficile smaltimento, che spesso contribuiscono a creare discariche a cielo aperto sul territorio comunale. “L'obiettivo dell'Amministrazione per il tramite dell'ecocentro – ha continuato Alemanno – è proprio quello di contrastare con efficacia questo malvezzo, che ferisce l'immagine della nostra città e che crea gravi problematiche sul versante ambientale. Le perplessità manifestate da “Città Nuova” sul mancato coinvolgimento dell'associazione nella scelta dell'ubicazione, saranno ampiamente superate dal funzionamento della struttura, su cui l'Amministrazione vigilerà con scrupolo ed attenzione”. Concetti che l'esecutivo ribadirà nell'incontro pubblico con i residenti del Peep, previsto prossimamente e nel quale, come detto in premessa, saranno illustrati e spiegati compiutamente progetto e finalità dell'ecocentro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!