Fotovoltaico e mafia: subito consigli comunali aperti

“Bisognerà sicuramente accendere un faro su questa vicenda e se da un lato bisognerà conoscere quali atti sono stati gli atti compiuti dalla Regione Puglia, dall’altro tutte le amministrazioni comunali, compresa la città capoluogo, dovranno rendere palesi e trasparenti le azioni poste in essere”. Lo propone con forza e con urgenza, vista la gravità della questione, la senatrice Adriana Poli Bortone, Presidente Nazionale di Io Sud. Gia ieri, il presidente della Commissione Antimafia, Giuseppe Pisanu, a seguito delle audizioni a Bari, aveva detto che in Puglia ci sono segnali di infiltrazioni mafiose nel settore delle energie pulite. “Credo – afferma Poli Bortone – che sia indispensabile, per approfondire tale vicenda che apre purtroppo nuovi spazi di azione alla criminalità pugliese, che ogni amministrazione comunale relazioni sugli impianti che sono stati costruiti sul proprio territorio e sulle aziende che li hanno realizzati in modo da garantire trasparenza rispetto agli atti compiuti. Questo quindi, a mio avviso, potrà accadere solo se ogni amministrazione comunale, in particolare salentina, visto che l’antimafia ha individuato questa come area particolarmente a rischio, si adoperi per indire dei consigli comunali aperti. In nome della trasparenza per i cittadini, ma anche per le stesse amministrazioni, affinché nessuna ombra sia gettata sulle amministrazioni che hanno operato in piena legalità”. Articoli correlati Ecomuseo a Vernole. La protesta degli ambientalisti (10 dicembre 2010) Contro l’affarismo falso ecologista, sit-in a Bari (12 novembre 2010) Fotovoltaico in Masseria Miggianello: le associazioni protestano (3 novembre 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!