A scuola di diritti umani

Regione, Ufficio Scolastico regionale e Tavola della Pace sottoscriveranno un protocollo per percorsi di formazione sui valori della pace

La Regione Puglia ha deciso di sottoscrivere un protocollo d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e la Tavola della Pace (che da molti anni organizza la Marcia per la pace Perugia – Assisi) per “affrontare la grave crisi culturale che stiamo vivendo e per suscitare una vasta mobilitazione educativa in tutto il territorio, diretta principalmente a diffondere tra i giovani la cultura della pace, dei diritti umani e della cittadinanza democratica”. Il programma, denominato “La mia scuola per la pace”, prevede la realizzazione di incontri, seminari, corsi di formazione, forum e laboratori che guideranno i giovani alla riscoperta del significato autentico dei valori della pace, della giustizia, della libertà e della responsabilità che sono al centro della nostra Costituzione e della Dichiarazione Universale dei Diritti umani. In sinergia, pertanto, con la Regione Puglia e l’Ufficio Scolastico Regionale, la “Tavola della Pace” si impegna a coordinare, accompagnare e supportare le attività in raccordo con l’Assessorato al Diritto allo Studio e Formazione Professionale, l’Assessorato alle Politiche giovanili, cittadinanza sociale, attuazione del Programma, l’Assessorato al mediterraneo, cultura e turismo. Il protocollo verrà sottoscritto dal Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, dal Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, Lucrezia Stellacci e dal Coordinatore nazionale della Tavola della pace, Flavio Lotti nel corso di una conferenza stampa – alla quale parteciperanno anche gli assessori regionali Alba Sasso, Nicola Fratoianni e Silvia Godelli – che si terrà lunedì 13 dicembre 2010 a Bari, con inizio alle ore 12, presso la sala riunioni della Presidenza della Giunta Regionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!