Passaporto biometrico: novità dalla Questura di Lecce

Attivato il sistema informatico per fissare l’appuntamento presso gli Uffici di Polizia per l’acquisizione delle impronte digitali

Avviato il 30 novembre scorso, è stato compiutamente attivato anche dalla Questura di Lecce il nuovo sistema informatico chiamato “Agenda Passaporto”, importante iniziativa del Dipartimento della Pubblica Sicurezza per ridurre i disagi del cittadino nel disbrigo delle incombenze riguardanti la richiesta del nuovo passaporto biometrico. Il sistema prevede un Calendario/Agenda, gestito dalla Questura di Lecce e dai dipendenti Commissariati di Galatina, Gallipoli, Nardò, Otranto e Taurisano, che consente ai cittadini con residenza, domicilio o dimora nella Provincia, di registrarsi e presentare, via web, la domanda per ottenere l’appuntamento presso gli Uffici di Polizia per l’acquisizione delle impronte digitali nel giorno e nell’ora desiderati. A tale fine è sufficiente che ciascun utente, purché munito di collegamento internet, si registri sul sito “https://www.passaportonline.poliziadistato.it” e segua le indicazioni richieste dalla procedura per l’inserimento dei dati necessari, ottenendo l’elenco della documentazione occorrente (istanza denominata modello 308, numero di conto corrente ove effettuare il versamento, ecc.), nonché l’indicazione del giorno e dell’orario di presentazione per l’acquisizione delle impronte digitali. Gli utenti sprovvisti di collegamento internet possono, invece, usufruire del medesimo servizio recandosi presso i Comuni o le Stazioni dei Carabinieri che hanno aderito al “progetto” e che, nell’occasione, sono stati forniti di credenziali di accesso al sistema dalla Questura di Lecce. E’ importante sottolineare come, a seguito della nuova procedura di acquisizione di impronte e firma digitali, gli utenti devono necessariamente recarsi presso gli Uffici di Polizia, gli unici legittimati a tale incombenza. Pertanto, l’utilizzo del sistema di prenotazione on-line agevolerà gli utenti, limitando allo stretto indispensabile i tempi di attesa allo sportello passaporti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!