Bar Concepita, dove i ricci sono krossi and kini e le fritture di mare buone da impazzire

Nel centro di San Foca, questo insolito bar prepara anche fantastici aperitivi, antipasti sfiziosissimi e granite di limone extra biologiche

San Foca. E’ dove vorresti essere in questo momento. Lontano da tutto e da tutti. E vicino al mare. A due passi dalla riva bianca schiumosa d’inverno. Davanti ad un piatto di ricci veramente “krossi and kini” ed un buon vinello bianco e fresco da sorseggiare in compagnia dei buoni amici… Perché in un giorno qualunque di dicembre, poi, affacciandosi sulla costa immediatamente oltre la città, il cielo azzurro l'aria mite la voglia di pranzar fuori, non è così facile trovare quel posto al sole che stavi cercando… E invece è proprio lì che t'aspetta il “mitico” Enzo, sulla centralissima soglia del bar Concepita. T’apparecchia svelto un tavolino anche in pien’aria, ti propone il menù del giorno, e se c’è la Calamarata conviene ordinarla al volo, complice la parola di chi l'ha appena mangiata o la sta gustando al momento, e che lui prontamente chiede con il piglio squisitamente cordiale che lo contraddistingue. Della Concepita apprezzerai infatti, oltre alla bontà del pesce – che Enzo pesca giornalmente – quel modo di fare alla mano che è autentico e informale e mette sin da subito a proprio agio davanti ad una frittura di mare oltremodo superba. In cucina c’è Albano,chef brillante, che prepara per voi anche originali antipasti di scirocco e di tramontana, eclettici piatti a base di pesce e immancabili spaghetti alle cozze; e prima d’andar via assaggerete un mirto artigianale che è una poesia. Enzo ve lo serve ghiacciato, in un estroso bicchiere traboccante di inebriante freschezza… Splashhh!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!