Falsi handicap: denunciato concessionario di auto e clienti

Acquistavano con agevolazioni senza requisiti di legge, per beneficiare di aliquota ridotta: contestata al titolare evasione per migliaia di euro

Oltre 330 mila euro di base imponibile e circa 673 mila euro di imposta sul valore aggiunto sottratti alle casse dell’Erario. Questo è il risultato di una verifica fiscale condotta dalle Fiamme Gialle di Lecce nei confronti di un commerciante di automobili della provincia. Dagli approfondimenti svolti dai finanzieri, è emerso che l’impresa aveva dedotto indebitamente costi riguardanti pedaggi autostradali, pranzi, cene, spese di pernotto e quote di ammortamento di beni strumentali ormai dismessi dal ciclo produttivo dell’azienda. Inoltre, è stata accertata una errata applicazione dell’aliquota Iva ridotta prevista per i disabili. Infatti, alcuni clienti della concessionaria, non avendone titolo, hanno potuto acquistare autovetture nuove e beneficiare dei vantaggi offerti dall’applicazione dell'aliquota Iva al 4% (anziché 20%) e dalla detrazione Irpef del 19% del valore di acquisto, fino ad un massimo di 18mila euro, previste per i portatori di handicap grave. I militari hanno accertato che le auto erano state acquistate per esigenze di parenti e congiunti e che non risultavano pienamente in possesso di tutti i requisiti di legge (handicap grave) per beneficiare dell’agevolazione. In considerazione delle cifre contestate, l’imprenditore e i clienti che avevano beneficiato dell’aliquota Iva ridotta, sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate per il recupero dei tributi evasi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!