Assolto Roberto Corigliano

Dopo un anno e mezzo di carcere ed il sequestro di beni per 31 milioni di euro è stato assolto in primo grado Roberto Corigliano. Il pm Giorgio Lino Bruno aveva chiesto dieci anni di reclusione

Roberto Corigliano è stato assolto. Dopo un anno e mezzo di carcere e dopo il sequestro dei beni per un ammontare di 31 milioni di euro, incluso il distributore Q8 in via Merine a Lecce che l’accusa aveva indicato come il nucleo di un giro vorticoso di soldi anche di provenienza illecita. La lettura della sentenza è avvenuta poco prima delle 22 di ieri ad opera di Giacomo Conte, presidente della prima sezione penale. Corigliano ha sorriso e si è commosso come mai aveva fatto da quando, la mattina del 27 gennaio 2004, da presidente di Confcommercio ed aspirante presidente della Camera di commercio, era stato arrestato dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria. Per l’imprenditore 60enne il pm della Direzione distrettuale antimafia Giorgio Lino Bruno aveva chiesto una condanna a dieci anni di reclusione con l’accusa di associazione a delinquere, usura, riciclaggio ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria, aggravati dall’agevolazione dell’associazione mafiosa. Nel dispositivo di sentenza il presidente Conte ha disposto anche il dissequestro dei beni di Corigliano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!