Rinnovabili: la Regione approva le linee guida nazionali

 

Si tratta di un atto con il quale la Regione Puglia individua le aree non idonee all’installazione di impianti

Procedure più veloci e semplificate grazie ai sistemi informatici e grande attenzione al territorio. Sono queste le principali novità delle Linee Guida regionali in materia di energie rinnovabili che entrano in vigore il 1° gennaio 2011. Il documento è stato adottato dalla Giunta regionale in prima lettura. E passa all’esame delle Commissioni regionali competenti per poi tornare in Giunta per la approvazione definitiva. Si tratta di un atto con il quale la Regione Puglia partendo dalle Linee Guida Nazionali e in attesa del decreto che assegnerà alle Regioni la quota minima di produzione di energia da fonti rinnovabili, individua le aree non idonee all’installazione di impianti. Il testo delle Linee Guida redatto dai Servizi “Energia, Reti e infrastrutture per lo Sviluppo”, “Assetto del Territorio”, “Ecologia” e “Agricoltura”, si compone di oltre 200 pagine. Nella nuova procedura convergono infatti una serie di sottoprocedimenti (basti pensare a quelli per la tutela del paesaggio, dell’ambiente e della salute), ma a fare la differenza rispetto al passato sarà soprattutto la procedura completamente informatizzata, quindi molto più veloce. È stato studiato un sistema che mette insieme il procedimento amministrativo con i dati di carattere territoriale attraverso due portali, quello dell’Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l’Innovazione www.sistema.puglia.it e il Sit, il multipremiato Sistema Informativo Territoriale, che contiene mappe e informazioni di carattere territoriale accessibili anche da parte di chi propone l’installazione di un impianto. Così è possibile arrivare all’espressione del parere entro il 180° giorno. La documentazione sarà generata da SistemaPuglia per l’aspetto amministrativo e dal Sit per quello cartografico, anche gli allegati dovranno avere formato digitale e il tutto viaggerà con la posta elettronica certificata, inclusa la corrispondenza tra le amministrazioni. Si calcola che solo per questo aspetto saranno risparmiati 45 giorni. 25 settembre 2010 – Rinnovabili: emanate le linee guida nazionali. In vigore dal 2 ottobre “Dopo anni di attesa le Linee guida approvate sono un fatto positivo, ma ora è urgente che le regioni le recepiscano, mettendo così un freno alla deregulation del settore”. E’ il commento della “Lipu-BirdLife Italia” dopo l’approvazione delle Linee guida nazionali in materia di autorizzazione di impianti da fonti rinnovabili, tra cui impianti eolici e fotovoltaici, pubblicate lo scorso 18 settembre in Gazzetta Ufficiale. Previste dal Decreto legislativo 387 del 2003, le Linee guida erano attese da sette anni: ora le regioni avranno 90 giorni di tempo per mettere a punto le proprie norme per dare ordine allo sviluppo del settore e salvaguardare le aree più sensibili dal punto di vista naturalistico. Tra i punti positivi delle Linee guida nazionali, la Lipu riconosce un peso maggiore riconosciuto alle Soprintendenze regionali (sulle quali però, si teme, graverà un carico eccessivo di lavoro che rischia di paralizzarle) e inoltre la non applicabilità della procedura che prevede una semplice Dia (Dichiarazione Inizio Attività) per autorizzare impianti di grande dimensione (fino a 1 megawatt), come per esempio torri eoliche alte 100 metri o impianti fotovoltaici estesi su due ettari. Tra i punti negativi – prosegue la Lipu – la mancanza di misure obbligatorie e inderogabili almeno per quanto riguarda i siti di maggiore interesse naturalistico (Unesco, aree protette, ma anche specie faunistiche di importanza internazionale) e il fatto di non aver inserito limiti alla potenza degli impianti. “Salutiamo con favore l’emanazione delle Linee guida nazionali – dichiara la ‘Lipu-BirdLife Italia’ – che speriamo possano garantire maggiori tutele per l’ambiente e la biodiversità. Ora però le regioni procedano con urgenza emanando le norme attuative: una valanga di progetti potrebbero essere presentati intenzionalmente prima dell’emanazione di tali regole (al fine di evitarne l’applicazione), il che potrebbe significare il colpo di grazia ad aree di estremo valore naturalistico ma anche storico e paesaggistico”. Sono oltre 11mila – sottolinea la Lipu – i megawatt di potenza eolica, tra impianti realizzati e quelli di prossima realizzazione grazie a pareri ambientali emessi o autorizzazioni uniche già rilasciate. In questi anni – spiega la Lipu – si è assistito a un proliferare indiscriminato e non pianificato di centrali eoliche industriali che ha gravemente compromesso le aree più sensibili del Paese per importanza paesaggistica oltre che per la presenza di biodiversità, creando distorsioni nei meccanismi del libero mercato fino a vere e proprie situazioni di malaffare. Questo anche perché gli incentivi finanziari (in Italia sono i più alti d’Europa) sono del tutto slegati da criteri qualitativi legati al rispetto dell’ambiente da parte degli impianti. La stessa dinamica, priva di una cabina di regia, che si è avuta con l’eolico si sta replicando con il fotovoltaico, con distese di pannelli che stanno consumando centinaia e centinaia di ettari agricoli. Riconoscendo l’importanza e la diversificazione delle varie forme di produzione di energia da fonte rinnovabile – sottolinea la Lipu – sarebbe meglio concedere incentivi differenziati, premiando coloro che installano pannelli su superfici già occupate quali i tetti piuttosto che su terreni liberi, causando così un crescente consumo di suolo, oppure per un uso razionale del microeolico. Oltre alle nuove disposizioni – si sottolinea – le regioni devono comunque applicare la misura del divieto di eolico nelle Zps (Zone protezione speciale) contenuta nel decreto ‘Rete Natura’ emanato nel 2007 dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, “una misura che la legge 157/92, al nuovo comma 5bis dell’articolo 1, prevede sia estesa anche agli habitat esterni a queste zone, incluse le importantissime zone cuscinetto”. ”Ci appelliamo alle regioni affinché intervengano in modo tempestivo e responsabile – è la conclusione – ed evitino il collasso di intere aree e l’ulteriore declino di specie animali, nonché la salvaguardia di beni paesaggistico di inestimabile valore”. Articolo correlato Scandalo Green Economy: stop al fotovoltaico in Puglia (21 settembre 2010) Link Linee guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili (GU n. 219 del 18-9-2010 )

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati