Gallipoli: 25 milioni di euro per il borgo antico

Disegno di legge di Adriana Poli Bortone, presidente di Io Sud, per il recupero di beni culturali e architettonici del luogo

La senatrice Adriana Poli Bortone, Presidente Nazionale di Io Sud ha presentato stamattina a Gallipoli presso la biblioteca comunale S. Angelo il disegno di legge n. 2336 – “Interventi a tutela del patrimonio culturale di Gallipoli”, depositato in Senato il 21 settembre scorso. “La città di Gallipoli – sottolinea Poli Bortone – vanta un patrimonio storico – culturale dal valore inestimabile. Le bellezze architettoniche, artistiche e il mare trasparente e pulito attirano a Gallipoli poco meno di un milione di turisti all’anno. Attualmente, però, il degrado dei monumenti, delle chiese e dei palazzi della città vecchia mette a serio rischio le possibilità di conservazione di uno degli esempi più belli del barocco salentino. E' per questo, che è necessario uno sforzo di tutta la comunità nazionale, sotto forma di un contributo straordinario per Gallipoli, per la salvaguardia e la valorizzazione di questi tesori. Se il disegno di legge verrà approvato, dal Ministero dei Beni Culturali saranno allocati, per il triennio 2011-2013, 25 milioni di euro, per la realizzazione di interventi di tutela e recupero di beni culturali e architettonici del borgo antico di Gallipoli”. “Analogo disegno di legge, aggiunge la Presidente di Io Sud, avevo già presentato alla Camera durante la XIII legislatura ed ora, ripreso l’impegno parlamentare nazionale, lo ripropongo in Senato con l’auspicio che i colleghi che amano il Sud ed intendono valorizzare le sue espressioni artistiche ed architettorniche, vogliano condividere con me il percorso dell’approvazione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!