Fini a Lecce. Tra applausi e contestazioni

Il presidente della Camera ripercorre l'elenco delle priorità per il suo movimento. Una lista, il cui sviluppo, punto per punto, ha sancito l'allontanamento definitivo dal Popolo delle Libertà

Dalle pesanti critiche ricevute al Rettorato di Lecce, in mattinata, all'accoglienza calorosa dei suoi sostenitori politici (non pervenuti i rappresentanti locali del Pdl) all'Hotel Tiziano. Sono state queste le due facce della visita del presidente della Camera, Gianfranco Fini, a Lecce. In sala, ad attenderlo, l'amica Adriana Poli Bortone di Io Sud, i consiglieri regionali di opposizione, tra cui Antonio Buccoliero, presidente dei Moderati e Popolari e Gian Marco Surico di Fli; il coordinatore regionale del movimento, Francesco Divella, e quello provinciale, Paolo Pellegrino. Fini ripercorre, in meno di un'ora, l'elenco dei temi in agenda per il suo movimento: lavoro e famiglia (con la precarietà che impedisce “progetti di vita”), riforme e giustizia (uguaglianza di fronte alla legge e fine delle leggi ad personam), economia (critica ai tagli lineari dell governo e dubbi sui finanziamenti al Piano del Sud da 100 milioni di euro che potrebbero essere Fondi europei e Fas già esistenti) e infine il Mezzogiorno quale elemento di rottura totale con la Lega. Una lista di priorità, il cui sviluppo, punto per punto, ha sancito il suo allontanamento definitivo dal Popolo delle Libertà. Nella mente e all'orizzonte, dunque, un progetto di costruzione di una destra europea, costituzionale e repubblicana. Ma c'è dell'altro. Perchè, oltre a elementi di natura programmatica, molti sono gli spunti politici, che l'incontro con il presidente Fini, offre. “No” netto e deciso a “elezioni subito” perchè, per Fli, in questo momento, il paese ha bisogno di essere governato. Bene, ma da chi? Sarà il 14 dicembre, con la fiducia del Parlamento, il giorno della verità. Probabilmente se, l'avvicinamento di Fli con Udc e Api si dimostrerà solido, potrebbe, verosimilmente, nascere un terzo polo, candidato alla guida del paese. Alla fine dell'incontro, Fini non ha rilasciato interviste ai giornalisti (a eccezione di un'emittente privata). 26 novembre 2010 – Gianfranco Fini nel Salento. Domani a Lecce e Taranto Il Presidente della Camera Gianfranco Fini sarà a Lecce sabato 27 novembre, dove terrà una manifestazione pubblica alle ore 16.45 nelle sale dell’Hotel Tiziano. Quella di Fini sarà una vera full immersion in terra salentina per parlare di futuro, libertà e sviluppo attraverso l’analisi di temi di stringente attualità che toccano da vicino la realtà economica, culturale, imprenditoriale e sociale del Salento, A cominciare dall’Università, dalla ricerca e la cultura che tanto rappresantano, anche in termini di sviluppo, per questa terra. Grande spazio la visita riserverà anche ai temi della sostenibilità ambientale, di cui parlerà in maniera particolare a Taranto, una città profondamente ferita, ma che può sicuramente trovare nella sintesi tra competitività industriale, certezza occupazionale e sviluppo sostenibile, il senso della propria identità e di un futuro credibile. Il presidente Fini coglierà l’occasione anche per una riflessione sull’evoluzione della politica nei prossimi mesi, sulla base di un confronto dialettico col territorio, supportato da una classe dirigente responsabile, credibile, trasparente e capace di trasformare le idee in fatti. Lavoro, giustizia, fisco, mezzogiorno, coesione sociale, identità nazionale, federalismo, ambiente, ricerca e università sono argomenti che attraversano la geografia politica di Futuro e Libertà per l’Italia – il movimento fondato dal leader del centrodestra insieme ad altri parlamentari che hanno lasciato il Pdl dopo la dichiarata “incompatibilità” del suo co-fondatore da parte dei vertici del partito e nato come gruppo autonomo sia alla Camera che al Senato – che diventerà partito formalmente a gennaio. Un partito che resterà aperto al contributo di tutti, in una forma accessibile e senza barriere ideologiche. La tappa di Fini a Lecce, dopo quella di Bari, rappresenta un altro passaggio importante, da un punto di vista simbolico e sostanziale, che vuol testimoniare il cambio di passo rappresentato da Fli, verso una politica vicina alla gente e per la gente. “La Puglia e il Salento hanno risposto con entusiasmo all’appello di Fini a una nuova stagione di responsabilità, legalità e coesione sociale”, sottolineano i vertici regionali di Fli, il deputato Francesco Divella, coordinatore per la Puglia del comitato costituente del nuovo movimento-partito, insieme al sen. Fli Carmine Patarino, al vice coordinatore, Giammarco Surico e al coordinatore provinciale, Paolo Pellegrino. “Moltissime le adesioni al manifesto politico che i cittadini hanno potuto firmare nelle piazze pugliesi e che proseguirà nelle prossime settimane. E’ il segnale di un disagio diffuso – tra i moderati di centrodestra quanto nel centrosinistra – che cerca spazi democratici in una politica non più autoreferente, ma che partendo dal basso, valorizzi le proposte e renda concrete le soluzioni. E’ il segnale del disagio di tante persone che vedono nella ricerca di una giustizia veramente uguale per tutti e nell’attenzione di Gianfranco Fini alla sofferenza del Sud e della Puglia, non rivendicazioni di carattere personale, né la nascita di una nuova Lega del Sud, ma la rotta di un partito plurale e nazionale che restituisca pari dignità alle persone, conciliando le ragioni di tutti”. Programma Ore 10: Università di Lecce, Rettorato – incontro col C.d.A. della Università del Salento, il Senato Accademico e rappresentanze di categorie universitarie. Sono previsti interventi del Rettore (prof. Domenico Laforgia), del Prorettore (prof. Melica), cui seguiranno 2/3 brevissimi interventi di professori e rappresentanti degli studenti. Saluto del Presidente Fini; ore 13: Taranto, incontro a Palazzo di Città con il sindaco, Ippazio Stefàno, e le autorità civili, militari e religiose della città, per dibattere sulla situazione critica del capoluogo ionico, con particolare riferimento alla questione ambientale; ore 16: Lecce, Hotel Tiziano, incontro con rappresentanti degli imprenditori salentini e con gli amministratori locali di Fli; ore 16.45: Lecce, Hotel Tiziano – manifestazione pubblica ore 18: Campi Salentina, Fiera del libro

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!