Fini a Lecce contestato dagli studenti

VIDEO. Studenti e ricercatori hanno protestato contro la scelta del presidente di votare a favore del Ddl Gelmini

Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha incontrato in mattinata, a porte chiuse, il Rettore dell'Università del Salento, Domenico Laforgia, e i rappresentanti degli studenti. Nel frattempo, circa 200 fra studenti universitari, medi, dottorandi, ricercatori e docenti precari hanno occupato la piazza di fronte al Rettorato contestando la scelta di Fini di votare, martedi prossimo, a favore del Ddl Gelmini. Gli studenti di Ateneo Salentino Occupato ritengono che questa scelta rappresenti “l'ennesima incoerenza di una figura politica, che un giorno fa salire sui tetti i suoi parlamentari dimostrando di condividere le ragione della protesta, per poi sconfessarsi nella serata dichiarando il suo appoggio al Ddl”. Durante l'incontro in Rettorato, i rappresentanti degli studenti dell'Udu (tre senatori accademici, due consiglieri d'amministrazione, un membro del nucleo di valutazione) hanno presentato un documento, elaborato proprio da “Ateneo Salentino Occupato”, in cui si è messo in evidenza la corresponsabilità di Fini nel progetto di riforma dell'Università. L'attuale presidente della Camera, infatti, aveva votato, nel 2008, i tagli agli Atenei contenuti nella legge 133. “Nonostante le ultime dichiarazioni – dicono gli studenti – siamo convinti che il Ddl possa ancora fermarsi. Dagli Atenei e dalle Facoltà in mobilitazione deve nascere la proposta alternativa di riforma dell'Università, perché siamo convinti che una sia necessaria, purchè fatta negli interessi degli studenti e non dei Rettori o baroni che, in accordo con il governo, stanno portando avanti questo progetto”. Quindi la protesta continua. Martedì 30 novembre, nella giornata in cui sarà votato il Ddl, gli studenti scenderanno in piazza a Lecce, come nel resto d'Italia, per continuare ad esprimere il proprio dissenso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!