Alla guida ubriaco, provoca incidente stradale

Sarebbe potuta finire in tragedia la collisione avvenuta questa notte, sulla Veglie – Porto Cesareo, tra un'Audi e una Saab

Avrebbe potuto rivelarsi davvero grave l'incidente stradale che questa notte ha coinvolto due vetture in agro di Leverano, sulla S.P. Veglie – Porto Cesareo: pochi centimetri di scarto e quello che si è risolto con danni fisici di media entità avrebbe potuto trasformarsi in un episodio dagli esiti fatali. Un'Audi e una Saab di grossa cilindrata sono state coinvolte in una collisione mentre marciavano in direzioni opposte, quando si era ormai prossimi alle 2 di notte. L'Audi, condotta da E. D. (un ventenne incensurato originario di Copertino), stava procedendo, con due amici, verso Porto Cesareo. Uscendo da una curva, la vettura ha allargato la traiettoria sino a invadere la corsia opposta, nel momento in cui stava sopraggiungendo, in direzione opposta, una Saab con a bordo un amministratore comunale del nord salento in compagnia della moglie. L'impatto è stato inevitabile e violento. I Carabinieri del Norm Aliquota Radiomobile della Compagnia di Campi Salentina, intervenuti a distanza di pochi minuti insieme al personale sanitario del 118, si sono trovati davanti a una scena impressionante: l'Audi aveva finito la sua corsa quasi cento metri più in là, nelle campagne circostanti, con danni pesanti; la Saab si è fermata invece quasi subito contro il guard-rail, anch’essa gravemente danneggiata. Tutti gli occupanti sono stati soccorsi e immediatamente trasportati negli ospedali circostanti; il conducente della Saab ha riportato lesioni e traumi guaribili in 30 giorni, mentre tutti gli altri coinvolti nel sinistro se la caveranno con pochi giorni di terapia. Gli accertamenti hanno però rivelato anche che E.D. stava guidando in stato di ebbrezza, con un tasso alcool emico elevato; per lui si prospetta una denuncia ai sensi dell’art. 186 C.d.S. e la sospensione della patente di guida. Ma questo non è stato l'unico caso simile rilevato in nottata dai militari. Giusto poco prima di quell’intervento, un controllo stradale li aveva messi sulle tracce di G.G., trentenne originario di Copertino : per lui, alla guida della propria auto, responso di positività all’alcool e patente ritirata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!