Morte sospetta, la Procura chiede l'autopsia

Era stata ricoverata per insufficienza respiratoria, ma le sue condizioni erano peggiorate. Dopo due settimane il decesso

La Procura del capoluogo salentino ha aperto un fascicolo sulla morte di Mariangela Pagliula, la 85enne originaria di Nardò deceduta ieri nel reparto di Rianimazione dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Sarà l'autopsia, infatti, disposta dal magistrato di turno, il sostituto procuratore della Repubblica Paola Guglielmi, a chiarire le cause della morte dell’anziana donna. La donna era stata condotta, il sei novembre scorso, al Pronto soccorso dell’ospedale di Nardò, dove era stata ricoverata per insufficienza respiratoria dovuta, pare, ad un forte trauma conseguente a una caduta dal letto, in cui la 85enne avrebbe subito fratture multiple. Le sue condizioni, però, sarebbero peggiorate in pochi giorni. Tanto da richiedere il trasferimento a Lecce, dove la donna è stata ricoverata, in prognosi riservata, in Rianimazione. Dopo due settimane le condizioni della paziente si sarebbero ulteriormente aggravate, fino al decesso. Sono stati gli stessi medici del “Fazzi” a evidenziare alcuni sospetti legati al quadro clinico dell'anziana. Sul corpo della Pagliula gli stessi avrebbero riscontrato evidenti ecchimosi ed ematomi poco compatibili con una caduta dal letto. Dubbi che i medici del nosocomio salentino hanno raccolto ed espresso in una relazione. Relazione che è stata trasmessa per competenza alla Procura, che ha disposto nuovi accertamenti. Le indagini sono condotte dagli agenti del commissariato di Nardò.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!