Gli skaters: abbiamo bisogno di spazi idonei

Appello alle istituzioni da “Suburban”, associazione sportiva di Lecce, affinchè i giovani si possano aggregare in sicurezza

“Abbiamo bisogno di spazi”. E' questo l'appello che giovani skaters e inliner di Lecce e provincia rivolgono alle istituzioni leccesi. Per l'associazione sportiva dilettantistica “Suburban” di Lecce, presieduta da Cinzia Spedicato, sono diventati ormai centinaia i giovani skaters che non sanno dove andare a praticare questa disciplina. E spesso non avendo spazi a disposizione sono costretti a riversarsi per le strade della città, ma il risultato, lamentano, è solo quello di essere allontanati da cittadini o Forze dell'Ordine che dicono di andare a “skaitare” negli spazi appositi. Peccato, dicono, che questi spazi idonei – anche per la sicurezza – non ci siano. L'associazione “Suburban” è diventata il punto di riferimento di tutti coloro che amano questo sport, ma non sanno dove praticarlo e già in passato si è fatta portavoce delle istanze dei ragazzi, ma fino a ora non è riuscita a ottenere molto e, solo con le proprie forze, ha organizzato eventi che potessero permettere, anche solo per una giornata, ai ragazzi di skaitare in tutta sicurezza. Senza a togliere agli sport più convenzionali è necessario sottolineare che le culture cambiano, cambiano le generazioni e cambiano anche le mode e gli sport che devono avere eguale attenzione e dignità. “Come Suburban non possiamo rimanere indifferenti alle richieste dei ragazzi e dei genitori che ci danno fiducia affidando i propri figli ai ragazzi dell'associazione che con le proprie forze organizzano incontri, corsi e piccoli eventi pur di andare incontro alle esigenze degli skaters. Fino ad ora infatti non abbiamo chiesto niente facendo leva solo sulle nostre forze e disponibilità economiche. Siamo convinti però che qualcosa per questi ragazzi debba essere fatto. Per questo abbiamo deciso, con il supporto di tutti gli iscritti dell'associazione, di fare da portavoce della loro richiesta. Alle istituzioni locali rivolgiamo un appello pubblico quello di destinare uno spazio alla pratica di questo sport affinché si possano praticare in tutta sicurezza, fornendogli, allo stesso tempo, anche la possibilità di aggregarsi e stare insieme. Confidando nella sensibilità delle istituzioni rimaniamo a disposizione per ogni genere di confronto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!