Odissea Hercules: la guardia costiera recupera l'imbarcazione

Leuca. L'operazione ha permesso di trarre in salvo 60 cittadini extracomunitari, tra cui una donna e tre bambini che erano in balia delle onde dal 22 novembre. Scongiurato anche il disastro ambientale

E’ giunta in nottata nel porto di Santa Maria di Leuca, l’imbarcazione a vela “Hercules” battente bandiera greca, oggetto di una complessa operazione di soccorso al centro dello Jonio lo scorso 22 novembre, che ha permesso di trarre in salvo 60 cittadini extracomunitari, tra cui una donna e tre bambini. L’unità – una imbarcazione a vela monoalbero tipo “Dufour 43 classic” con motore diesel ausiliario e lunga 13 metri – si è trovata in difficoltà a circa 30 miglia ad ovest del Capo di Leuca a causa delle proibitive condizioni del mare con onde alte 3/4 metri e, vista la presenza a bordo di carico umano, ha richiesto il soccorso. E’ scattata così una complessa operazione che ha visto coinvolte 1 elicottero e 3 unità navali della Guardia Costiera, di cui una partita da Santa Maria di Leuca e 4 unità mercantili appositamente dirottate sul posto. Il soccorso si è protratto fino alla tarda serata dello stesso giorno quando tutte le persone presenti a bordo della Hercules sono state trasbordate, sotto il costante controllo dei mezzi della Guardia Costiera, su una nave portacontainer successivamente dirottata nel porto di Crotone. A causa delle condizioni del mare molto mosso con vento da ponente forza cinque con onde oltre quattro metri, è risultato impossibile il tentativo di rimorchio dell’unità a vela per cui, la stessa, è rimasta alla deriva. In queste condizioni, l’imbarcazione, costituendo un serio pericolo per la sicurezza della navigazione, stava procedendo ormai priva di controllo verso le coste salentine dove si sarebbe sicuramente schiantata sugli scogli affioranti delle secche di Ugento. Si configurava contestualmente un serio pericolo di inquinamento del delicato ecosistema marino dell’area. A questo punto, il Comando della Capitaneria di Porto di Gallipoli ha disposto l’invio in zona del motopeschereccio Santos, della lunghezza di diciotto metri della locale marineria, unico mezzo che, per caratteristiche tecniche di costruzione e navigabilità, poteva essere impiegato ai fini del rimorchio dell’imbarcazione. Intorno alle 18 e 30 di ieri, il gommone d’altura GC A062 della Guardia Costiera di Gallipoli, ha intercettato la barca a vela coadiuvando il Santos nelle operazioni di messa in sicurezza delle manovre di rimorchio. I mezzi hanno fatto ingresso nel porto di Santa Maria di Leuca intorno alle 23 e 30 dove, immediatamente, l’unità è stat posta sotto sequestro dai militari della Guardia Costiera, trattandosi di natante utilizzato per la commissione di reati in materia di violazione delle norme sull’immigrazione clandestina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!