Muri verdi a Gallipoli. Un danno per l'immagine della città

La lista “Con Venneri Sindaco” stigmatizza la scelta del colore da parte di un commerciante per dipingere le pareti del proprio negozio

La lista civica “Con Venneri Sindaco” firma un comunicato nel quale stigmatizza la disinvoltura con cui, qualche commerciante, sceglie i colori per dipingere i muri esterni del proprio negozio, in spregio all’assetto urbanistico e architettonico di Gallipoli. E' successo, in questo caso (e non è la prima volta) in via Roma, il cuore e il salotto della città. “L’ultimo, imbarazzante episodio che ancora oggi sta facendo discutere giustamente l’opinione pubblica – recita la nota – deve portare tutti noi, amministratori e non solo, a una riflessione seria e ponderata su come sia necessario mantenere alto il senso civico per rispettare ed amare nei fatti la nostra città. Non è possibile, infatti, anche solo pensare di poter da un giorno all’altro imbrattare (perché questo è il termine esatto) un palazzo di inizio novecento (facente parte del borgo murattiano), in pieno centro e su corso Roma, la vetrina della città, sfregiandolo di un colore verde fosforescente, che rappresenta un insulto al buon gusto ed uno sfregio all’assetto urbanistico ed architettonico di Gallipoli. Se questa è la base di partenza, se questa è la concezione della propria coscienza civica, allora molto c’è da fare: purtroppo non è il primo caso di “colori arbitrari” di cui si sono resi protagonisti alcuni commercianti ionici, che anzi si sono dilettati a trovare tonalità, dal salmone al giallo acceso, forse per catturare l’attenzione della propria clientela, ma danneggiando sicuramente l’immagine di una realtà che fa della sua armonia visiva uno dei punti di maggior forza. Tuttavia, per non arrivare ad assistere a immagini così scoraggianti per chi dimostra veramente 'amore per Gallipoli', nei fatti e quotidianamente, sarebbe opportuno riacquistare un maggior senso del decoro, una più spiccata cura per l’arredo urbano che, in quanto tale, è a servizio di tutti e contribuisce a dare un’idea meno selvaggia di chi vive Gallipoli ogni giorno. L’amministrazione ha provveduto con apposita ordinanza dirigenziale – dopo la segnalazione del consigliere, l’architetto Cosimo Giungato (presidente della Commissione Urbanistica) – al ripristino dello stato dei luoghi in danno del commerciante e della sua bizzarra idea, come già accaduto in analoghi casi nel centro storico. Occorre dunque rispettare le regole della civile convivenza, riporre nel cassetto idee stravaganti e poi, se si ha voglia di fare più e meglio, industriarsi per abbellire e non deturpare con scelte a dir poco 'oscene' le proprie attività commerciali. Siamo certi che sia questo il pensiero dominante che accomuna i commercianti gallipolini, che rappresentano una categoria laboriosa e soprattutto importante per la nostra economia; tuttavia l’auspicio è che questo intervento possa servire da monito a quanti avevano ed hanno in serbo idee bizzarre, come quella realizzata in questi giorni. L’amore per Gallipoli passa prima da noi. Cerchiamo di dimostrarlo ogni giorno nella quotidianità, dimostrando maggiore cura per il nostro territorio, evitando di mortificare il decoro e la bellezza di una città unica e meravigliosa come la nostra”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!