In memoria delle vittime della strada

Maglie. Esposte in piazza foto di persone decedute a causa di incidenti avvenuti in provincia. Iniziative in tutto il Salento

Ricorre oggi la “Giornata mondiale del ricordo delle vittime della strada”. Alle ore 12, in piazza Aldo Moro a Maglie, sarà osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime di incidenti stradali. Saranno inoltre esposte le foto di vittime di incidenti avvenuti in provincia di Lecce davanti alle quali a mezzogiorno sarà deposto un mazzo di fiori. Nella stessa piazza saranno ben visibili, come ogni anno, alcune vetture accartocciate a seguito di impatti violenti, nella convinzione che un’immagine così forte aiuti una maggiore presa di coscienza sui rischi connessi a una guida poco responsabile. In tutte le chiese di Maglie le vittime della strada saranno ricordate nella Preghiera dei fedeli, e alle 18 sarà celebrata una messa in suffragio presso la chiesa Matrice. Lo slogan dell’iniziativa è “Mai più fiori sull’asfalto”. La manifestazione rientra in una più vasta campagna di sensibilizzazione promossa dall’Associazione familiari e vittime della strada. Eva Ruggeri, consigliere nazionale e referente locale dell’associazione, dichiara: “Portiamo avanti la nostra battaglia ormai da dieci anni, ma purtroppo c’è ancora molto da fare: l’obiettivo, fissato nel 2001 dall’Unione europea, di dimezzare entro il 2010 il numero di incidenti stradali, non è stato raggiunto, e purtroppo è ancora molto lontano. Con questa manifestazione cerchiamo di diffondere gli impressionanti dati numerici ma anche di far capire il dolore e la devastazione che inevitabilmente consegue a ogni incidente. Con la Giornata del ricordo, che a Maglie si ripete ormai da anni, cerchiamo di sollecitare una nuova sensibilità e di diffondere una nuova cultura della strada. Da quest’anno abbiamo al nostro fianco anche la sezione di Palmariggi della Protezione Civile, che sarà presente in piazza con uno stand. Come di consueto abbiamo poi invitato i sindaci dei 99 comuni della Provincia di Lecce, chiedendo loro di dedicare soltanto un minuto, un minuto di silenzio, alle vittime della strada. Un minuto che attesti la loro solidarietà alle vittime e ai loro familiari; un minuto per riaffermare la volontà di attuare tutti i provvedimenti idonei a contrastare la strage stradale”. Ogni giorno, solo in Italia, 13 persone muoiono a causa di incidenti stradali. Un morto ogni due ore, e sono per la maggior parte giovani e giovanissimi. Ogni giorno 849 feriti, di cui più di 25 riportano invalidità gravi e permanenti. Anche i danni socioeconomici e sanitari sono enormi. La Giornata del ricordo, che ricorre in tutto il mondo ogni terza domenica di novembre, ha anche l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica al problema. Nello stesso giorno, tra le iniziative previste in provincia dall’Aifvs, la messa in suffragio nelle chiese di Novoli, una fiaccolata a Squinzano e Vernole e una manifestazione musicale a Ruffano. Allo stadio Via del Mare di Lecce, inoltre, sarà esposto durante la partita Lecce-Sampdoria uno striscione commemorativo e sarà letto un messaggio che invita alla prudenza alla guida, rimarcando le conseguenze drammatiche della distrazione al volante. L’Associazione italiana familiari e vittime della strada è un’associazione non lucrativa di utilità sociale, nata nel 2000 con l’obiettivo di “fermare la strage stradale e dare giustizia ai superstiti”. Conta ormai 118 sedi sparse in tutta Italia, e si batte sul terreno della prevenzione, per avere strade più sicure e automobilisti più diligenti e attenti alla guida, facendosi portavoce delle vittime della strada e dei loro familiari. L’Aifvs è stata inoltre promotrice, in sede istituzionale, della legge per il casco obbligatorio e di quella che ha introdotto la patente a punti, e ha collaborato alla recente riforma del Codice della Strada.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!