Passanti ignoranti I

Quando passa una donna… dalla Bibbia al Brasile

“Chi è questa che vèn, ch’ogn’om la mira…” forse, per i più giovani, non è più neanche una banale reminscenza scolastica, ma resta un bellissimo sonetto di Guido Cavalcanti. Il passaggio di una donna magica conferisce una vibrazione speciale all'aria, che trema di “chiaritate” e fa sì che gli uomini, ammutoliti da tanta grazia, possano solo sospirare. Il modello è nel Cantico dei cantici, dove la donna avanza e miete vittime come un esercito a vessilli spiegati. Nella sua traduzione latina, “Quae est ista quae progreditur”, fu cantata per secoli in chiesa, dove, grazie a qualche capriola esegetica, la bellissima madonna fu identificata con la Madonna (maiuscola) e musicata da anonimi e arcinoti, come Palestrina. Qui la musica è di Pietro Pace, che era di Loreto e con Maria giocava in casa. Anche Dante, amico di Guido, aveva notato un piacere speciale nell'osservare la donna “quand'ella altrui saluta”. La stessa compiaciuta tristezza dell'essere ignorati rispunta alcuni secoli dopo sulla spiaggia di Ipanema. Ah, la bellezza passa e non è tutta per me… Naturalmente i sessi sono reversibili quando a cantare è una signora, per esempio Ella Fitzgerald, che qui ci prova con uno spettatore di San Paolo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!