Con uno stratagemma riescono a estorcerle 5mila euro

Lecce. La polizia indaga su una truffa ai danni di una donna di 63 anni con la tecnica del cosiddetto “lascito ereditario”

Una 63enne è stata truffata per 5mila euro da due persone che, per strada, nel quartiere San Pio a Lecce l'hanno avvicinata con uno stratagemma. Uno si è finto cittadino svizzero che doveva rintracciare un “generale”, destinatario di una fantomatica eredità di 150mila euro; l'altro, presentatosi come un “medico” della zona, si è offerto di aiutarli a rintracciare l'ufficio del “militare”. Dopo una breve ricerca, l'uomo è tornato dicendo di aver rintracciato il “generale” ma di aver anche saputo che era deceduto, come la moglie. Lo “svizzero” quindi ha comunicato alla donna e al sedicente “dottore” di voler donare loro 50mila euro, mentre i restanti 100mila sarebbero andati in beneficenza, e che per questo occorreva un notaio. Il finto medico ha assicurato parte della copertura delle spese notarili, mentre alla donna è stato chiesto di contribuire con 5mila euro, che ha prelevato da una banca e consegnato alla coppia di truffatori, i quali hanno chiesto alla pensionata di acquistare 5 di marche da bollo per perfezionare l'atto notarile. Quando la donna è uscita dalla rivendita di tabacchi, i due si erano dileguati. La Squadra Mobile è sulle tracce dei due soggetti per impedire analoghi episodi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!