“Operazione Nascondino”: chiesti due secoli di carcere

L'indagine permise di smantellare una vasta organizzazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e portò all'arresto di 34 persone

Quasi due secoli di carcere sono stati chiesti complessivamente, per i quindici imputati che hanno scelto il rito ordinario, dal pubblico ministero Maria Cristina Rizzo nella requisitoria del processo scaturito dalla cosiddetta “Operazione nascondino”. Le indagini, condotte dai carabinieri della Compagnia di Maglie, portarono il 9 aprile del 2008, all’arresto di 34 persone. L'operazione permise di smantellare una vasta organizzazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. La droga, in particolare eroina, era solitamente nascosta nei muretti a secco delle campagne tra Giurdignano e Palmariggi, per essere poi smistata in numerose piazze dei comuni compresi in un’area molto estesa del sud Salento. Lo spaccio, secondo la ricostruzione accusatoria, avveniva, attraverso una fitta e capillare pianificazione di ruoli e strategie stabiliti all’interno dell’organizzazione. Per Giuseppe Strumiello, detto Giò, originario di Palmeriggi e Graziano Mariano di Nociglia, considerati i promotori dell'organizzazione, l’accusa ha chiesto una condanna a trent’anni di reclusione. Condanne pesanti sono state invocate anche per Davide De Giuseppe, 18 anni e 9 mesi, Giovanni Greco e Paolo Vadrucci, 17 anni, e Francesco Marco Amato, 13 anni e 8 mesi. A dare avvio alle indagini furono alcune morti sospette per overdose, avvenute tra il giugno e dicembre del 2006 nel basso Salento. In particolare gli inquirenti ipotizzarono che fosse in commercio una partita di eroina troppo pura o tagliata male. Attraverso l’analisi del telefono cellulare e della rubrica appartenuti all'ultima vittima, gli inquirenti riuscirono a ricostruire la rete dei fornitori. Ora la parola passa ai legali degli imputati. La decisione del collegio, presieduto dal giudice Carlo Cazzella, è attesa per il mese prossimo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!