“Tobia Lamare & The Sellers” al festival “Zero Trenta” di Ferrara

Il video del brano “My Stormy Days” della band salentina è stato selezionato come “Miglior videoclip”

Il video del brano “My Stormy Days” della band “Tobia Lamare & The Sellers” è stato selezionato come “Miglior videoclip” alla sesta edizione del Festival “Zero Trenta” di Ferrara. La regia, la grafica e il montaggio sono di Marco Coppola, la fotografia di Antonella Daddio. Il video è una rivoluzione giovane, fatta di soldati della musica, chitarre come armi e parole mitragliate senza sottotitoli che vogliono arrivare ovunque come fa il cinema, per manifestare la volontà e la necessità di restare attaccati ad una terra, che non possono portarci via. La premiazione si terrà oggi, dalle 17, presso il centro “Il mercato” di Ferrara. “L’idea di My Stormy Days è nata il 5 giugno 2010” sottolinea il regista. “Tobia era appena tornato da Londra, io e Antonella saremmo ripartiti per Bologna in serata. Dopo la collaborazione nata con “Family Shoes”, c’era la volontà di conoscersi e fare un video. Quindi abbiamo combinato quell’incontro nella masseria Lobello, mi ha spiegato le intenzioni del testo e in poco più di tre ore abbiamo rubato tutti gli scatti che potevamo. Il resto è venuto successivamente con la rielaborazione di ogni singola foto e la composizione con altre idee . Dopo 3 mesi e quasi 1500 tra foto elaborate e miniclip video, il risultato di questi “miei giorni tempestosi”. La “band Tobia Lamare & The Sellers” nasce in Salento, nel sud est dell’Italia, vive e cresce in una campagna che non è bagnata dal Mar Mediterraneo, ma confina con il Mississipi e il Tennessee. Nella “Masseria Lobello” Tobia Lamare coltiva la terra, i suoi affetti, scrive e registra le sue canzoni. Un luogo che è casa, ma anche sala prove, teatro, spazio d’arte e residenze. È qui che prende forma “The Party”, un concept album che racconta una festa dove le persone si scontrano, parlano, si incrociano, scappano, si innamorano, suonano. Il disco nasce dall’esperienza di Stefano Todisco, alias Tobia Lamare, che dal 1993, come dj, fa girare i vinili più improbabili nei locali salentini e non solo. Tobia è la parte rock’n’roll del Salento, il punto di riferimento per le persone che vogliono ballare il soul, l’indie. E le feste sono gallerie di vite e personaggi capaci di raccontare le storie che compongono questo album. Il nuovo progetto di Tobia Lamare, leader degli “Psycho Sun”, è fatto di ballate acustiche che uniscono il folk di Neil Young alle asprezze dei “Violent Femmes”, un progetto nato in campagna e ispirato, nel suono, dagli spazi aperti, dai camini, dall’autunno fatto di amici e tanti cani. Tobia Lamare & the Sellers omaggiano il grande folk, il country, il rock’n’roll (Bob Dylan, Elvis, Eagles, Johnny Cash) ma anche i Pavement e i Cure. Tobia Lamare (chitarra e voce) è accompagnato da Antonio Candido (armonicista esponente della scena country-blues salentina), Osvaldo Piliego (batterista degli Psycho Sun), Alfonso Cannoletta (chitarrista storico della scena rock’n’roll leccese degli anni ’90), Marco Santoro (bassista che ha dato vita alle prime formazioni indie della provincia di Lecce e attualmente impegnato in vari progetti di world music). Per vedere il video, cliccare qui

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!