Falsifica i documenti per condonare una tettoia

Nei guai il titolare di un ristorante e un geometra della provincia. Risponderanno di abusivismo edilizio e falso ideologico

Un ristoratore della provincia, insieme al geometra di fiducia, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica; devono ora rispondere dei reati di abusivismo edilizio e falso ideologico. Le indagini hanno permesso ai Finanzieri magliesi di accertare l’esistenza di documenti falsi. Nello specifico, il ristoratore, con l’ausilio di un geometra di fiducia, ha presentato un’istanza di condono per sanare una tettoia abusiva realizzata precedentemente. Infatti, il tecnico di fiducia aveva falsamente attestato nella domanda in sanatoria, che il cortile su cui insisteva la tettoria era di pertinenza di un'area catastale anziché di un'altra attigua, sempre intestata allo stesso proprietario. Sulla zona, che aveva il cortile come pertinenza era stato sfruttato l’intero indice di fabbricabilità, quindi l’abuso non poteva essere sanato, mentre su quella falsamente indicata, l’indice di fabbricabilità ancora non era stato esaurito.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!