Bombe carta in campo: multa di 400 euro al Gallipoli

Volate in campo anche bottiglie. E' successo durante la partita con il Galatina. Convocata assemblea pubblica per oggi alle ore 19. Amareggiato il presidente Caputo

Non è scesa proprio giù alla dirigenza del “Gallipoli Football 1909” la multa di 400 euro inflitta alla società per il lancio di bombe carta e bottiglie effettuato nel corso della prima giornata del campionato di Promozione disputata a Galatina. Se da un lato la società, con il presidente Attilio Caputo in testa, si prodiga per far fronte ai considerevoli impegni economici, per disputare un campionato di vertice e allo stesso tempo ci si adopera per costruire una società seria che possa avere come punto fondamentale il rispetto degli avversari e delle regole del calcio, dall’altro invece alcuni facinorosi con il loro comportamento antisportivo e diseducativo rendono vani tutti questi sforzi. Oltretutto in un campionato come quello della Promozione anche una multa di 400 euro può diventare motivo di impedimento al raggiungimento dei traguardi prefissati. Per questo il numero uno gallipolino ha convocato una assemblea pubblica per oggi alle ore 19 presso il salone della Parrocchia di Sant’Antonio, al fine di confrontarsi con tutti quelli che hanno a cuore le sorti del calcio gallipolino. L’amarezza di Attilio Caputo è talmente forte che lo stesso potrebbe decidere di disimpegnarsi dalla società gallipolina passando ad altri il compito di guidare la società calcistica nella stagione appena iniziata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!