Tar Puglia: riammessi i medici obiettori nei consultori ambulatoriali

Ribaltata delibera regionale. Ciò che è stato violato, per i giudici del Tribunale è il principio costituzionale di eguaglianza

Con la sentenza n.3477 del 2010, il Tar Puglia ha anato la delibera di giunta regionale del 25 marzo con la quale i medici obiettori di coscienza venivano esclusi dai consultori ambulatoriali. La sentenza è figlia di un ricorso di un gruppo di medici obiettori, del Movimento per la Vita e del forum di associazioni e movimenti cristiani del campo socio-sanitario. La Regione quindi riaprirà i termini del bando, anzi il Tar suggerisce di predisporre avvisi di concorso che riservino il 50% dei posti alla categoria dei medici obiettori. Ciò che è stato violato, per i giudici del Tribunale è, infatti, il principio costituzionale di eguaglianza.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!