La signora dai capelli rossi

Arriva a Lecce, nel Teatro Romano lo spettacolo teatrale scritto e diretto dalla regista e attrice Rosaria Ricchiuto

Giovedì 26 agosto 2010 dalle ore 21 a Lecce nell'incantevole scenario del Teatro Romano, la Compagnia “Teatro Solatia” di Specchia diretta dalla regista ed attrice Rosaria Ricchiuto porta in Scena lo spettacolo Teatrale “La Signora dai capelli rossi”. Il laboratorio teatrale della compagnia specchiese arriva nel capoluogo proprio nella tre giorni dedicata alle festivita dei santi patroni. Lo spettacolo è sicuramente un evento di nicchia, molto particolare, che ha voluto connotare le festività patronali di un momento di elevata cultura e di valorizzazione dei poeti salentini. Spettacolo scritto e diretto dalla Regista Rosaria Ricchiuto in memoria della sua carissima amica Maura Pacella Coluccia, poetessa salentina, scomparsa il 20 giugno 2008. Lo spettacolo era già stato presentato il 24 agosto 2008, a caldo, a pochi mesi dalla scomparsa della poetessa e oggi viene riproposto dopo una rivisitazione e una riscrittura tutta nuova e ricca di novità. Ogni donna è un fiore: da questo l'autrice è partita per descrivere tutte le sfaccettature della personalità e delle opere di un'istrionica artista, ancora sconosciuta al grande pubblico. Dieci donne, in un continuo gioco teatrale, raccontano il carattere e le sfumature di Maura Pacella Coluccia. ispirandosi ognuna ad un colore e ad un fiore diverso, accompagnate dalle musiche dei Pink Martini, Ludovico Einaudi. Ennio Morricone e Franco Battiato. Con: Marta Agostinello, Robertina Branca, Vincenza De Rinaldis, Zelinda Giunca, Anna Pizza, Emanuela Remigi, Irene Scarascia, Sara Schirinzi, Camilla Scupola e Rosaria Ricchiuto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment