Ail Lecce: cure domiciliari per i malati

Dal 1° settembre l’associazione avvia l’assistenza a casa in convenzione con l’Asl di Lecce

Continuae l’impegno dei tantissimi volontari dell’Ail di Lecce (Associazione Italiana contro Leucemie, Linfomi e mieloma di Lecce), che dal 1° settembre avvierà, grazie ad una apposita convenzione con l’Asl di Lecce, l’assistenza domiciliare ai malati leucemici. A beneficiarne saranno i pazienti dell’UO di Ematologia di Tricase, diretta dal dott. Pavone e quelli dell’UO di Ematologia di Lecce, diretta dal dott. Di Renzo. L’Ail – afferma la presidente, dott.ssa Debora Gravili – è l’unica Associazione di Lecce che si occupa di oncologia ematologia, ad aver raggiunto tale accordo con l’Asl e, per questo, ringrazio profondamente il direttore generale, Guido Scoditti; il direttore sanitario, Franco Sanapo e il direttore amministrativo, Paola Ciannamea, per la sensibilità e l’attenzione dimostrate alla nostra Associazione, ma soprattutto ai malati di leucemia, linfomi e mieloma”. “Garantire ai pazienti affetti da patologie oncologiche del sangue l’assistenza domiciliare – continua la presidente Gravili – contribuisce, da un lato, a migliorare la qualità della vita dei malati e delle loro famiglie, e, dall’altro, ad offrire un concreto ausilio e sostegno in un momento particolarmente delicato e difficile qual è quello del decorso della malattia leucemica, del linfoma e del mieloma”. In tale ambito, l’Ail di Lecce comunica di essere alla ricerca di medici, psicologi ed infermieri, che vogliano collaborare con l’Associazione nell’assistenza domiciliare ai pazienti affetti da leucemie, linfomi e mieloma. Per ulteriori informazioni: Ail Lecce, tel. 0832343459.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment