Mostra di foto e disegni di Geremia Re a Leverano

L'evento si prefigge di mettere in luce alcuni aspetti ingiustamente trascurati della produzione artistica del pittore salentino

Dal 7 al 18 agosto, a Leverano, saranno esposti al pubblico fotografie, schizzi e disegni inediti di Geremia Re, valoroso ed originale pittore salentino del primo '900, artista sensibile ed inquieto, prematuramente deceduto il 13 gennaio 195. La mostra, intitolata “Leverano nello sguardo di Geremia Re”, si terrà nei locali di palazzo Gorgoni, la vecchia sede comunale leveranese attualmente utilizzata come biblioteca e centro culturale, e potrà essere visitata dall’8 al 18 agosto dalle 18 alle 22 e dal 16 agosto al 18 agosto, anche dalle 10 alle 13. La mostra si prefigge di mettere in luce alcuni aspetti ingiustamente trascurati della produzione artistica di Geremia Re il quale, grazie alla sua esperienza maturata negli ambienti culturali di Roma, Parma, Milano, Parigi, portò nella cultura salentina dell'epoca, ancora influenzata da una visione ottocentesca, un'autentica ventata di novità e freschezza di portata europea. L'iniziativa, proposta dalla sezione Anfi di Leverano (Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia), è stata approvata, finanziata e sviluppata con entusiasmo dal Comune di Leverano e dal Centro Studi “Geremia Re”, grazie anche alla determinante disponibilità dei familiari dell'Artista. “Fino ad ora -ha dichiarato il Sindaco di Leverano Cosimo Durante– non era stata prestata una sufficiente attenzione alla produzione grafica di Geremia Re e questa mostra, dedicata ai suoi disegni, aggiunge un altro tassello al progetto di valorizzazione dell'Artista salentino”. Il catalogo delle opere si avvale della preziosa e competente presentazione di Carmelo Cipriani, studioso di pittura contemporanea pugliese di elevato profilo. Come riconoscimento al valore della mostra, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano le ha destinato una medaglia, quale premio di rappresentanza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment