A Lecce, la commedia in vernacolo salentino

In Piazza Mazzini va in scena la rassegna estiva “E… state con noi 2010” con due eventi teatrali. Si inizia con “Li uai te lu Nicola”

Continua, come nei programmi del Consiglio della Prima Circoscrizione, la valorizzazione di Piazza Mazzini grazie ad eventi di qualità in grado di attrarre la cittadinanza e i numerosi turisti che in questo periodo affollano il capoluogo. “Uno degli obiettivi primari che si siamo posti – esordisce Pasquale Aralla Presidente della Prima Circoscrizione – è quello di 'collegare' questa piazza al contesto storico facendone un corpo unico e, con un pizzico di soddisfazione, devo ammettere che ci stiamo riuscendo, grazie anche all’inserimento della stessa in un circuito di eventi e spettacoli finanziati con le risorse del Consiglio Circoscrizionale. Dopo averne fatto lo scenario principale nell’annuale manifestazione di 'Bicincentro' – continua Aralla – è la volta oggi della commedia in vernacolo tanto caro ai leccesi, infatti, la rassegna estiva “E…..state con noi 2010”, si concluderà proprio in questa piazza con due eventi teatrali che avranno luogo sabato 7 e domenica 8 agosto entrambi alle 20.30. Nella serata di sabato 7, la compagnia teatrale “L’Averla” porterà in scena “Li uai te lu Nicola”, mentre domenica 8 sarà la volta del gruppo teatrale “Il Melograno” con la commedia comico-brillante “Terra ca nu sienti”. C’è da dire – prosegue Aralla – che entrambe le compagnie teatrali sono di provata esperienza ed hanno già riscosso notevole successo in altre rassegne e manifestazioni. Mi preme precisare – conclude Aralla – che nelle due serate, il traffico veicolare in piazza Mazzini non subirà alcuna restrizione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment