L'ICM alla Fiera del libro del Cairo

L’Italia, nuova ospite della Fiera

Dal 22 gennaio al 4 febbraio prossimi l’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce sarà al Cairo. Obiettivo, Fiera internazionale del libro, la più importante rassegna di settore di tutto il mondo arabo

Dopo il successo dello scorsa edizione, l’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce sarà presente alla Fiera Internazionale del Libro del Cairo che si svolgerà nella capitale egiziana da 22 gennaio al 4 febbraio prossimi. La Fiera del Cairo è la più importante rassegna di settore di tutto il mondo arabo ed una tra le prime al mondo per numero di espositori e visitatori. L’importanza della Fiera del Libro del Cairo sta anche nell’importante funzione di ponte tra la cultura islamica e la cultura occidentale che essa ha saputo svolgere sin dalla sua nascita. Caratteristica della Fiera è individuare ogni anno un paese ospite e dare ampio risalto alla produzione culturale di quel paese. Quest’anno il paese ospite sarà l’Italia e molte sono le iniziative organizzate dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali in Italia con l’Istituto italiano di Cultura del Cairo. Tra queste iniziative rientra l’allestimento di uno stand, a cura della Fondazione Mediterraneo, in cui troverà spazio grazie all’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce anche la produzione libraria degli editori salentini dedicata agli autori ed alle problematiche del Mediterraneo. In particolare, l’Istituto di Culture Mediterranee illustrerà l’attività della Biblioteca del Mediterraneo istituita presso la sede dell’Istituto a Martignano, in cui rientra il recente accordo di collaborazione con la biblioteca “La Penna Palestinese” di Gerusalemme, firmato con la poetessa Hanna Awad nella sua recente visita a Lecce. Un’altra importante iniziativa che l’Istituto presenterà al Cairo è il progetto di traduzione in italiano di viaggiatori arabi a cominciare dal viaggiatore marocchino Ibn Battuta all’egiziano Rifà a Rafi Tahtawi e al viaggiatore libanese Ahmad Faris Shidyaq.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!