Questione Sisri. interviene Liaci

“I dipendenti scioperano. La Regione che cosa fa”?

Walter Liaci, assessore con delega allo Sviluppo dell’Area Industriale, sollecita la Regione Puglia sulla vertenza dei dipendenti Sisri, senza stipendio da tre mesi

“Lavoratori senza stipendio da tre mesi, sciopero ad oltranza e nessun spiraglio di risoluzione della crisi all’orizzonte”. Questo il quadro tracciato da Walter Liaci, assessore con delega allo Sviluppo dell’Area Industriale del Comune di Lecce, in merito alla astensione ad oltranza proclamata dai dipendenti del Sisri, che attendono di ricevere la retribuzione di tre mensilità. “Intanto – prosegue Liaci – è doveroso esprimere la piena solidarietà a quei tanti lavoratori e padri di famiglia senza stipendio. Poi ricordo molto bene le crociate del centrosinistra contro il Governo Fitto in merito alla situazione del Sisri e dei consorzi in generale. In quasi due anni il Governo Vendola, tra le cui file figurano proprio quei crociati, non ha mosso un dito per risolvere la questione del Sisri. In generale mi pare che l’attenzione concreta dell’assessorato alle Attività Produttive della Regione verso il tema del riordino dei consorzi sia stato scarsissimo. Non esiste programmazione generale, né esiste un minimo di strategia e di pianificazione per fronteggiare l’immediato, dal momento che mi risulta che gli ultimi stipendi corrisposti ai dipendenti siano frutto delle alienazioni. Al di là dei proclami – conclude Liaci – non mi pare che al Governo regionale siano mancate tempo e possibilità per intervenire”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!