Quinto appuntamento con la cultura a Otranto

Saranno presentati i libri degli autori Pierluigi Mele e Annunziata Sgura

Si svolge questa sera il quinto appuntamento con la “Settimana della Cultura”, nell'ambito dei festeggiamenti per il riconoscimento di Otranto patrimonio Unesco in qualità di “sito messaggero di pace”. Previsto un doppio appuntamento alle 21, in Largo Porta Alfonsina, con la presentazione dei libri “Da qui è tutto lontano” di Pierluigi Mele e “L'uomo venuto dal mare” di Annunziata Sgura. “Da qui è tutto lontano” Quello di Mele è un romanzo di intensa poesia, capace di rievocare ora il teatro dell'assurdo, ora il dramma greco per la grandezza delle solitudini e la tensione che sprigiona. Indimenticabili i passi sulla natura e i profili femminili. Il tutto è retto da una scrittura originale e moderna, che ci spinge ad andare oltre le parole, a sondare i simboli, in una totale avventura delle emozioni. Pierluigi Mele ha aperto le ultime tre edizioni de “La Notte della Taranta”. Ha pubblicato i libri di poesia “Lavare i fuochi” (1995), “Tramontalba” (2003). Suoi contributi appaiono in diverse antologie di rilievo nazionale. Nel 1999 è stato premio poesia “Dario Bellezza”. “L'uomo venuto dal mare” L'opera è intrisa di poesia ed è connotata dalla sguardo acuto e delicato con cui l'autrice si sofferma sul mondo rurale della Puglia di inizio '900: è una realtà spesso drammatica, particolarmente per le donne, private della propria identità e costrette ad una incondizionata sottomissione al padre/padrone o al marito. Ma ancora una volta, più forte di tutto, è il potere dell'amore con il riscatto della propria libertà interiore. Dopo un’intensa produzione lirica, Annunziata Sgura ha subìto il fascino della forma narrativa e ha dato alle stampe “L’uomo venuto dal mare” (Schena Editore), romanzo ambientato nell’Italia meridionale dello scorso secolo. È la storia di Marietta, il cui amore per un marinaio straniero viene osteggiato dal padre che giunge a rinchiuderla in convento. I due giovani riusciranno comunque a incontrarsi, ma dopo aver appreso di essere gravida, la protagonista riceverà la tragica notizia della morte del suo amato: diverrà una ragazza madre, capace di affrontare con coraggio l’ostilità di molti e le inevitabili privazioni e insidie della sua condizione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment