Nascondeva videopoker nel retrobottega: denunciato

Le macchinette erano dotate di doppia scheda elettronica che permetteva il funzionamento e la riproduzione illegale del gioco del poker

Prosegue l’attività della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Lecce in materia di lotta e contrasto al gioco d’azzardo. Nella giornata di ieri, militari della Compagnia di Gallipoli, a seguito di specifica attività info-investigativa, hanno accertato che il titolare di un esercizio pubblico esercente l’attività di “vendita di articoli da regalo”, oltre ai locali destinati alla predetta attività, utilizzava un locale attiguo e pertinente per gestire l’attività di intrattenimento mediante l’installazione di apparecchi e congegni del tipo illecito e non conformi alla normativa vigente. A seguito di un più accurato controllo effettuato sulla componentistica hardware, è stato accertato che le stesse macchinette erano dotate di una doppia scheda elettronica che permetteva, tramite un telecomando, il doppio funzionamento e la riproduzione illegale del gioco del poker. I due videopoker venivano sottoposti a sequestro amministrativo ed affidati in giudiziale custodia alla parte. Il titolare dell’esercizio è stato segnalato alla competente Autorità amministrativa per l’irrogazioni delle sanzioni previste per le diverse fattispecie di violazioni. Complessivamente è stata contestata una pena pecuniaria pari 9.000,00 di euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!