Liquilab: a Tricase un concerto intergenerazionale

Sarà anche inaugurata una “Bottega di memorie e identità giovanili”, sede permanente di studi, formazione, ricerca e sperimentazione

Venerdì 6 agosto alle ore 21, presso Piazza Don Tonino Bello di Tricase, lo Staff Liquilab riavvia i lavori con “Tricase sogna… ancora”, un concerto intergenerazionale sulla musica degli anni ’60 – ’70 tra i ragazzi di ieri e le band giovanili di oggi. A seguire, un brindisi presso Piazzetta A. Dell’Abate, dove si inaugura la Bottega di memorie e identità giovanili, prevista all’interno del progetto “Laboratori liquidi sui gap di memoria, ricordi e identità giovanili”, che nasce dall’interrogativo del “Vuoto di memoria”, caratterizzante la storia degli ultimi cinquant’anni. “La Bottega di memorie e identità giovanili, che sarà una sede permanente di studi, formazione, ricerca e sperimentazione per la Città di Tricase e l’intero Capo di Leuca, mira al recupero e valorizzazione della memoria della nostra storia tradizionale e moderna”, ha affermato la referente del progetto Dott.ssa Ornella Ricchiuto. Partendo dalla cittadina di Tricase, si sviluppa una rete di connessioni con i territori limitrofi per ricostruire i sentieri locali più nascosti (storici, culturali, artistici, ecc.), realizzando una sorta di grande fabbrica creativa di memorie. “La Bottega si pone anche come spazio di memoria, di identità, di iniziativa multidisciplinare ed interculturale, che dà vita a un intreccio di processi d’ascolto e partecipazione attraverso l’uso di metodologie attive di coinvolgimento e gestione costruttiva sì da incrementare il senso di integrazione della comunità”, ha aggiunto l’Avv. Nunzio Dell’Abate, Assessore alle Politiche Giovanili di Tricase.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment