Un referendum sulle biomasse a Casarano?

Risponde il Prefetto di Lecce, Mario Tafaro: impossibile su materie di non esclusiva competenza comunale. Centrale a biomasse compresa

«Non si può celebrare un referendum, seppure consultivo, su materie che non sono di esclusiva competenza comunale». Sintetizzando al massimo un discorso molto più complesso, suffragato tra l’altro da pareri giurisprudenziali e circolari ministeriali, il Prefetto di Lecce, Mario Tafaro, ha risposto così al quesito posto dalla delegazione del Comune di Casarano sulla eventualità di svolgere la consultazione referendaria sulla centrale a biomasse. L’incontro, avvenuto ieri mattina in Prefettura, era stato programmato dopo una relativa delibera dell’assemblea cittadina per sentire un parere istituzionale sulla delicata questione. All’incontro erano presenti i capigruppo di tutte le forze consiliari di maggioranza e di opposizione, accompagnate dal presidente del Consiglio Comunale, Paolo Zompì, che rappresentava la sua lista (Casarano Sempre): Giampiero Marrella (Pdl), Claudio Casciaro (Centro Democratico Cristiano), Remigio Venuti (Partito Democratico), Massimo Del Genio (Insieme per Casarano), Giuseppe Panico (Io Sud), Leonardo Ciurlia (lista Ivan De Masi), Massimo Villa (Udc) e Massimo D’Aquino (Liberacittà) su delega del capogruppo Emanuele Legittimo. L’amministrazione comunale era rappresentata dal vicesindaco Francesca Fersino (Liberacittà); era presente anche il presidente della commissione consiliare “Affari istituzionali”, Giovanni Pino (lista Ivan De Masi). Alla domanda se a Casarano è possibile o meno celebrare un referendum sulla centrale a biomasse, citando diversi pronunciamenti sull’argomento referendario, tanto del Consiglio di Stato quanto del Ministro dell’Interno, il Prefetto ha ribadito l’impossibilità di celebrare un referendum su materie di non esclusiva competenza del Comune. In questo caso, come già anticipato dai lavori preparatori della commissione “Affari istituzionali”, l’argomento in questione non rientrerebbe in questa casistica. Per altro, avrebbe aggiunto il dott. Tafaro, il risultato del referendum avrebbe come conseguenza una deliberazione di Consiglio Comunale, che comunque non avrebbe titolo ad esprimersi in termini vincolanti su un argomento come quello relativo ad un insediamento produttivo. Il consigliere Casciaro ha tuttavia sottolineato che il Prefetto «ha fatto riferimento al nostro senso di responsabilità, chiedendoci se questo impianto può servire o meno alla città e di trovare, attraverso un lavoro comune, sostenuto magari da un clima più sereno, un’altra forma di rilevamento sull’argomento per capire l’opinione dei cittadini».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!