Casarano: lavori in corso

Avviate le operazioni di sistemazione di due importanti nodi viari di accesso alla città. Costo degli interventi: 30mila euro

Avviati i lavori di sistemazione di due importanti nodi viari di accesso alla città di Casarano. Si tratta del tratto di strada che unisce via Covile a piazza Bastianutti e della zona adiacente alla rotatoria di via Solferino, ivi compreso il ponte sulla ferrovia. Due punti di accesso sui quali si concentra una mole di traffico non indifferente, visto che attraverso essi transitano i veicoli da e per Ugento, Melissano e Taviano. I lavori, del valore complessivo di circa 30mila euro, saranno effettuati con somme in economia ricavate da un mutuo già contratto e saranno ultimati nel giro di due settimane. La rotatoria di via Solferino è già stata oggetto di lavori; ora, però, verranno finalmente ampliati ed ultimanti. “Intervenire sui punti d’ingresso della città – precisano il sindaco Ivan De Masi e l’assessore ai lavori pubblici Marcello Torsello in una nota di Palazzo dei Domenicani – ha un duplice vantaggio di natura estetica e funzionale. Da un lato incide positivamente sull’immagine della città, poiché ogni ingresso può essere considerato alla stregua di un vero e proprio biglietto da visita, dall’altro migliora la viabilità e garantisce maggiore sicurezza. Si tratta di un intervento che va ad inserirsi all’interno di un ripensamento complessivo del traffico veicolare in città, coerentemente alle direttive che stiamo seguendo per l’elaborazione definitiva del Piano traffico”. “A questo si aggiunga – conclude la nota stampa – il Piano territoriale dei tempi e degli spazi recentemente finanziato dalla Regione, che, tra le altre cose, prevede la concertazione per la sincronizzazione degli orari dei servizi di trasporto pubblico locale, garantendo flessibilità, certezza dei tempi di percorrenza, sicurezza e riduzione del traffico generato da veicoli privati soprattutto nelle ore di punta”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment