Sventata rapina all'Ipermac di Melpignano. Ferito impiegato

Obbligano un dipendente a disattivare l'allarme della struttura ed entrano per trafugare la cassaforte

Ieri sera a Corigliano d'Otranto, 5 individui a volto coperto di cui tre armati di pistola a bordo di una Station Wagon di colore grigio, munita di lampeggiante acceso, hanno affiancato e bloccato una Citroen C3, condotta da un impiegato del supermercato Ipermac di Melpignano, zona industriale. I malviventi hanno minacciato e percosso l'uomo e poi hanno intimato di condurli presso il supermercato dove il dipendente è stato costretto a disattivare il sistema di allarme. Mediante l'utilizzo di un carrello elevatore, i malviventi hanno tentato di asportare di asportare la cassaforte sita all’interno degli uffici, ma sono stati costretti a dileguarsi a seguito dell'intervento del Nor della Compagnia dei Carabinieri di Maglie. L'impiegato del supermercato è ricorso alle cure sanitarie ed è stato riscontrato guaribile in gg. 10 s.c. Fatto analogo si è verificato questa notte a Soleto. Tre uomini travisati da passamontagna, dopo aver manomesso il sistema di allarme, hanno tentato di penetrare all’interno dell’Ipermercato “Supermac” in zona industriale. Grazie all'intervento dei Carabinieri di Soleto, Galatina e del personale del Commissariato di Polizia di Galatina, gli uomini hanno dovuto desistere dal portare a termine il colpo. Nulla è stato trafugato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!