Ritrovata la dipendente Ipercoop scomparsa giovedì

Alla base del gesto, la vergogna per un ammanco di denaro nelle casse del supermercato

E' stata rintracciata dai Carabinieri della Stazione di Lecce, F.C., la dipendente dell’Ipercoop che da giovedì scorso, aveva fatto perdere le sue tracce. Alla base di questo allontanamento c’era la vergogna per un ammanco consistente di denaro nelle casse di cui, da circa un decennio, la signora teneva la gestione contabile. L'ammanco era stato rilevato dai responsabili regionali della catena di supermercati e contestato, proprio nella giornata di giovedì. Questo episodio l’aveva indotta ad allontanarsi dalla propria casa e soprattutto dalle sue due amate figlie alle quali, unitamente al marito, aveva lasciato dei biglietti manoscritti per spiegare questo suo allontanamento. Dal momento della denuncia presentata presso gli uffici dei Carabinieri, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lecce hanno immediatamente attivato le ricerche estendendole in poco tempo, tramite l’inserimento di nota di ricerca nella banca dati delle forze di polizia, in ambito Shenghen, collegata al nominativo della persona scomparsa ed alla Hiunday Atos nera l’autovettura di proprietà, utilizzata per allontanarsi. Questa notte, quando il cartellino di ospitalità di una struttura alberghiera situata sulla strada tra Mola di Bari e Torre a Mare, è stato inserito, all’operatore è subito apparsa la nota di ricerca e si è messo in contatto con i Carabinieri di Lecce che l’avevano inserita. Entro pochi minuti F.C. è stata raggiunta dall’autoradio in turno e dopo averne accertata l’identità è stato dato avviso ai familiari che la stanno raggiungendo per ricostituire dopo lo spavento il nucleo familiare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment