Varata la nuova Giunta Perrone: 13 gli assessori

Annunciato finalmente il nuovo esecutivo cittadino: tra facce nuove e ritorni, gli assessori sono tredici

E' nata la nuova Giunta Perrone ed è composta da 13 assessori. E non da 14 come paventato dal Pd. Paolo Perrone (sindaco con delega alla Polizia Municipale, Politiche Comunitarie, Pianificazione strategica, Politiche energetiche, Politiche giovanile, Sicurezza, Protezione Civile e Politiche Sociali). Confermati Gianni Garrisi (oltre che vice sindaco): Ambiente Attilio Monosi: Bilancio, Programmazione, Patrimonio Tributi e Innovazione Tecnologica Giuseppe Ripa: Traffico e Mobilità Massimo Alfarano: Cultura, Turismo, Spettacolo, Relazioni Internazionali e Marketing Alfredo Pagliaro: Igene, Sanità, Randagismo e qualità della vita Fulvio Lecciso: Pubblica Istruzione, Politiche Educative e Formative Michele Giordano: Personale, Sviluppo organizzativo e Qualità dei servizi Fiorino Greco: Affari Generali, Contenzioso Contratti Appalti, Servizi Demografici e Decentramento Lucio Inguscio: Politiche Abitative, Edilizia residenziale pubblica Saverio Martini: Pianificazione del territorio e Urbanistica con il quale fu rottura ai tempi dello scontro con i consiglieri e gli assessori che facevano capo ad Adriana Poli Bortone (Io Sud) I nuovi Gaetano Messuti: Lavori Pubblici, verde, pubblico, servizi cimiteriali, contratti di quartiere e fascia costiera Gigi Coclite: Sviluppo Economico, Attività Produttive e Commerciali Nunzia Brandi: Sport, Impiantistica sportiva e Politiche in genere Durnate la conferenza stampa, il sindaco ha detto che: “A chi dice che questo esecutivo costerà di più ai cittadini, voglio ricordare che la giunta di Adriana Poli Bortone era composta da 14 consiglieri e tutti a indennità piena”. Con la nuova giunta Perrone, le indennità saranno diminuite del 10%. Intanto, tra le deleghe del sindaco, si nota nell'elenco, quella alle politiche energetiche. Sarà quindi lui, in prima persona, a continuare a seguire la questione in fieri degli impianti e, tra gli altri, la delicata questione della centrale a biomasse.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment