Italgest passa la palla

GUARDA IL VIDEO. Sciolto il contratto di sponsorizzazione tra Italgest, Virtus e Handball. La comunicazione in conferenza stampa

Le proteste dei tifosi. Il clima, dopo la conferenza stampa, è rovente. “Sono amareggiato per quello che è successo alla Virtus Casarano”. Queste le parole di un preoccupato Ivan De Masi, sindaco di Casarano, che esprime vicinanza alla sua città in questo momento difficile, per via del contratto di sponsorizzazione che legava la Italgest alla Virtus Casarano e alla Italgest Handball, sciolto nelle ultime ore. “I giocatori quindi possono ritenersi liberi, da oggi possono trovare un'altra squadra dove disputare la prossima stagione” ha sentenziato. “Da sindaco non posso non essere preoccupato per quello che potrà succede in seguito a questa decisione- continua-. Spero che il documento che ieri in maggioranza è stato sottoscritto possa sortire qualche effetto, stimolare le forza imprenditoriali della città, del territorio, perché una squadra nel campionato dilettanti è un patrimonio. Noi dobbiamo ragionare in termini di macroarea e non in un’unica direzione”. Rilanciano la palla quindi i fratelli De Masi, affinché altri imprenditori possano investire sulla squadra. Di tutt’altra opinione i tifosi che, noncuranti del caldo, nella piazzetta antistante la sede sociale hanno atteso il primo cittadino e gli urli si sono alzati ingiuriosi in segno di protesta. “Non posso comunque non rilevare – ha concluso il sindaco De Masi – la mortificazione, l’amarezza e la profonda delusione dell’Amministratore delegato di Italgest (il fratello Paride, ndr) che non si è visto adeguatamente supportato nel progetto di sviluppo territoriale con il serio timore, e lo dico in qualità di Sindaco della città, che tutto ciò possa favorire un suo interesse verso altri territori che non sono il Salento e con l’aggravante che si interrompa piuttosto bruscamente, un percorso di collaborazione costellato dalla conquista di tre scudetti tricolori nella pallamano, dalla rinascita del calcio cittadino con successi, la Coppa Italia nazionale e la conquista della serie D, oltre al completo rifacimento dello stadio Capozza che, da struttura fatiscente e obsoleta, è divenuto un accogliente contenitore, ospitale ed elegante.” 21 luglio 2010 – Italgest lascia: non più calcio e pallamano Finisce così, con un breve comunicato firmato Paride De Masi, l'impegno nello sport della Italgest. Dopo le esaltanti stagioni della Virtus Casarano e della Italgest Handball Salento d’Amare che hanno visto il marchio Italgest accompagnare i successi delle due squadre in ambito nazionale, si scioglie il contratto di sponsorizzazione che lega l’azienda alle due realtà sportive. “E’ giusto che altri imprenditori, a cui è data la possibilità di attivare investimenti sul territorio, facciano quanto serve per portare alto il nome di Casarano e del Salento in Italia e in Europa”. Questa è la dichiarazione di Paride De Masi, Amministratore Delegato Italgest che conclude: “ringrazio tutti gli atleti che hanno portato il nostro marchio sulle maglie rossoazzurre, nonché tutti i dirigenti che con spirito di sacrificio e passione hanno contribuito a scrivere delle straordinarie pagine nello sport salentino”. Ora è da vedere se la convenzione trentennale che la Italgest ha sottoscritto con il Comune di Casarano per l'utilizzo dello stadio comunale “Capozza” sia ancora in piedi o no e, soprattutto, se lo stadio possa essere utilizzato dalla Virtus, anche se sponsorizzata da altri. Oltre ai lavori di ampliamento e ristrutturazione infatti, ora fermi, sarebbero previsti anche quelli per la costruzione di un impianto fotovoltaico che funga anche da copertura di tutti i posti a sedere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment