A teatro, un grande gioco per esorcizzare le paure

“Cantiere dei Piccoli”: va in scena l'ultimo atto dei laboratori teatrali presso “Koreja”, a Lecce

Dopo un mese di incontri, si conclude l’esperienza del “Cantiere dei Piccoli”, il laboratorio teatrale rivolto a bambini e ragazzi di età compresa tra i 5 e gli 11 anni tenuto da Fabrizio Pugliese e Carlo Durante e organizzato dai Cantieri Teatrali Koreja di Lecce. Oggi, 16 luglio alle ore 18, presso i Cantieri Teatrali Koreja di Lecce (locali con aria condizionata), va in scena “Moby Dick” (ingresso libero) con i giovanissimi Stefan De Giorni, Malik Gakar, Irene Grecuccio, Martina Lomascolo, Ettore Manca, Nicola Marziliano, Ivan Marziliano, Alessandro Mele, Caterina Mele, Francesco Mengoli, Martina Montinaro, Giuditta Motta, Giona Palma, Andrea Perrone, Greta Spagnolo, Clara Stomeo, Sofia Zullino. In scena anche Fabrizio Pugliese nel ruolo del Capitano Achab, Carlo Durante Capitano Starburk e i mozzi Paola Marsano, Valentina Sammarco e Francesco Cortese. Un ringraziamento anche a Grazia Minutella e Antonio Perrone. I bambini hanno lavorato all’ideazione e alla costruzione delle scene, nonché alla lettura drammatizzata di alcune parti del romanzo, allo studio dei personaggi ed all’interpretazione del testo. “Tutte le esperienze fatte dai bambini durante il cantiere” afferma Fabrizio Pugliese “diventano scene: la quotidianità della nave, la caccia, la follia del capitano, le paure dei giovanissimi marinai, lo scontro finale con la balena. Moby Dick, la balena bianca, prende forma solo nelle azioni e nei racconti dei 'marinai' senza mai diventare presenza concreta ma sempre e solo evocazione di paure antiche, ancestrali. Paure che il bambino esorcizza nel gioco, a volte crudele, a volte incantato. Anche la nave viene ricreata sulla scena da un semplice gioco di corde attorno ad un albero maestro, come creazione di un gioco semplice ed infantile in cui diventare grandi, marinai a caccia di un 'mostro'”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment