Operazione antidroga Bolenath: un arresto a Lecce

Coinvolte anche le città di Verona, Bologna, Livorno, Como, Varese, Padova, Genova, Roma, Perugia e Grosseto

Nell’ambito dell’operazione denominata “Bolenath”, condotta dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Verona, i militari del Nucleo di Polizia tributaria di Lecce, hanno proceduto all’arresto di un 29enne di Monopoli residente nel capoluogo salentino. Durante una perquisizione nell’abitazione del giovane, eseguita dall’unità cinofila della Gdf leccese, è stato rinvenuto un quantitativo di hashish pari a 182 grammi. Sono scattate subito le manette per un provvedimento di custodia cautelare che era stato emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Verona. Questo singolo controllo fa parte di una grande operazione congiunta di Polizia e Guardia di Finanza, che si sta svolgendo sin dalle prime luci dell’alba su tutto il territorio nazionale (Verona, Bologna, Livorno, Como, Varese, Padova, Genova, Roma, Lecce, Perugia e Grosseto) e sta impegnando oltre 100 finanzieri in arresti e numerose perquisizioni domiciliari Lo spaccio al dettaglio degli ingenti quantitativi di stupefacenti avveniva soprattutto nel corso di feste a base di musica afro e reggae organizzate in tutta Italia. Per comunicare tra loro i trafficanti usavano termini e linguaggi chiaramente riferiti a questo tipo di musica. Ben organizzato il vertice dell’organizzazione. Ognuno aveva compiti precisi nella filiera dell’illecito: il rapporto con l’estero, il traffico in Italia e l’organizzazione di eventi musicali. Nonostante i duri colpi inferti sin dai primi passi dell’indagine, l’organizzazione aveva ripreso i propri traffici illeciti. Con la seconda fase,l’intero sodalizio è stato interamente destrutturato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!