Raccolta differenziata a Casarano: i dati di giugno

Superata la soglia del 25%. Grande soddisfazione per l'amministrazione comunale che definisce “straordinario” il risultato

Palazzo dei Domenicani annuncia che nel mese di giugno la raccolta differenziata dei rifiuti avrebbe superato quota 25%, «registrando – si legge in una nota – un incremento di 6 punti percentuali rispetto al mese di marzo, quando il nuovo sistema porta a porta non era ancora stato attivato». Il risultato, che l’esecutivo cittadino definisce “straordinario”, risulterebbe così composto: il 17% è avviato al recupero ed il restante 8% allo smaltimento. “Il risultato conseguito – commenta l’assessore all’Ambiente, Attilio De Marco – va al di là di ogni più rosea aspettativa. Le proiezioni per il mese di giugno prevedevano il passaggio dal 20,5% del mese precedente al 21,3%. Mai ci saremmo aspettati di superare la soglia del 25%. Se ci siamo riusciti, un forte plauso va a tutti i cittadini che hanno compreso l’importanza della differenziazione dei rifiuti”. L’amministrazione comunale ha precisato che nel mese di marzo i rifiuti raccolti da destinare allo smaltimento nel biostabilizzatore sono stati 794.660 Kg; tre mesi dopo, a giugno, questa quota è diminuita a 594.680 Kg, ossia di circa 200.000 Kg. “Nonostante le difficoltà iniziali e il disagio che in un primo momento hanno dovuto affrontare i cittadini – aggiunge il sindaco Ivan De Masi – i risultati iniziano ad essere concreti. Eravamo consapevoli che sarebbe stato un processo lungo, che non poteva essere avviato senza un cambiamento culturale, al quale hanno contribuito in maniera determinante i bambini. A loro va il mio sentito ringraziamento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment