‘Neografie’ i gioielli di De Benedittis per Gattinoni

I gioielli del giovane designer sfileranno con la nuova collezione della maison ‘Gattinoni.’ Lunedì, a Palazzo Pallavicini, a Roma

Ecco collane, bracciali ma soprattutto orecchini a descrivere la nuova linea di raffinati oggetti in oro e argento creati da Gianni De Benedittis per la nuova collezione haute-couture, autunno-inverno 2010-2011 di Guillermo Mariotto della maison ‘Gattinoni’, sfilare lunedì sera al Casino Dell’Aurora di Palazzo Pallavicini a Roma.

gioielli de benedittis

Ancora una volta Guillermo Mariotto, direttore creativo della maison ha voluto accanto il giovane designer. Quel giovane estro che come dice Edoardo De Giorgio, responsabile della comunicazione della maison Gattinoni, ha incuriosito Guillermo Mariotto che “è rimasto colpito da questa sua creatività, creatività che rientra nei canoni di Guillermo Mariotto. Un orafo che con le sue sapienti mani riesce a creare capolavori”.

orecchini de benedittis

Una ricerca creativa raffinata, ricca di inventiva che questa volta lo ha portato a creare monili in oro e argento grandi nelle dimensioni ma estremamente leggeri nel peso, seducenti elaborazioni di forme geometriche piane e tridimensionali, ottenute con il sapiente uso di originali trame o cortine di fili, bacchette fisse o sospese e mobili “pronte a assecondare la vibrazioni di ogni movimento” come dice Gianni De Benedittis. E aggiunge “Tutti elementi che segnano una moderna interpretazione dell’etnico nella ripresa di significativi dettagli architettonici delle più disparate metropoli, come espressioni delle differenti culturale”. Elementi quindi che si fondono e diventano gioielli sul corpo della donna, a segnare dopo la rinascita, la sua affermazione. Ed ecco l’anello metro, simbolo di evoluzione e di aspirazione alla crescita o l’anello portarossetto a indicare il nuovo stile di minimalismo assoluto delle donne manager che vogliono fare a meno anche della più piccola pochette.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment