Schiavone, la prima volta nel Salento

La tennista milanese, infatti, ha trascorso l’ultimo week-end a Santa Maria di Leuca in compagnia del suo coach e di una coppia di amici

Francesca Schiavone, la tennista italiana recente vincitrice di un torneo del Grande Slam (Roland Garros), si è concessa una breve ma intensa vacanza nel Salento. La trentenne milanese, infatti, ha trascorso l’ultimo week-end a Santa Maria di Leuca in compagnia del suo coach e di una coppia di amici. L’eliminazione al primo turno dal torneo di Wimbledon, avvenuta la scorsa settimana, aveva lasciato un po’ di giorni liberi nell’intenso programma della tennista. E così è nata la vacanza a Leuca, tra sabato e ieri, passata nel più assoluto relax con uscite in barca, per ammirare la splendida costa del “Tacco d’Italia”, un tuffo nell’azzurro mare salentino e tanto passeggio. Sabato sera, in particolare, la Schiavone è stata notata al ristorante “Terra Masci” dove è stata riconosciuta da tanta gente, anche da non appassionati di tennis, segno che la vittoria di Parigi le ha portato tanta popolarità. La tennista è stata molto disponibile, concedendosi senza problemi per le foto e gli autografi. Pare che la Schiavone si divertisse a rispondere in salentino alle richieste dei ragazzi. Prima della cena aveva fatto una puntatine al bar del Porto e anche qui, subito riconosciuta, è stata sommersa da richieste di autografi e foto. Sabato e ieri mattina, invece, la tennista e i suoi amici hanno noleggiato una barca da “Scooby doo” e hanno fatto il bagno al largo della costa di Leuca. Per la tennista, attualmente numero 6 al mondo, era la prima volta nel Salento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!