Auto in panne e 4 kg di droga addosso. Presi

Gli agenti delle Volanti di Lecce hanno notato tre uomini per via degli strani movimenti attorno ad un’auto. In uno zaino avevano 4 chili di hashish

Colti in flagranza di reato, tre leccesi sono finiti in manette nello scorso week end per detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Nel pomeriggio di sabato infatti gli agenti della Sezione Volanti della Polizia di Lecce, coordinati dal dirigente Carmine Ingrosso, hanno effettuato un servizio mirato di prevenzione e controllo del territorio di Lecce concentrandosi in particolare nel quartiere Stadio e nelle vie limitrofe, spesso meta di spacciatori e di tossicodipendenti. In arresto Nicola Pinto, di 23 anni, il fratello Mattia Pinto, di 26, e Luigi Santo, 36enne. I tre hanno attirato l’attenzione dei militari mentre effettuavano strani movimenti in via Scrimieri; Mattia Pinto è stato notato mentre tentava di allacciare una corda sulla parte anteriore di una Fiat punto, probabilmente ferma per avaria al motore; infatti davanti alla Punto vi era una Renault Clio che presumibilmente avrebbe dovuto fungere da traino. Poco distante da lì gli agenti hanno notato uno zaino e, bloccando le possibili vie di fuga dei tre, hanno ispezionato lo zaino ed il suo contenuto, rinvenendo un involucro contenente due panetti di hashish, per il peso complessivo di circa 2,5 chilogrammi ed un secondo involucro contenente sei panetti, per il peso complessivo 1,5 chilogrammi. Nicola Pinto ha numerosi precedenti specifici per spaccio di sostanze stupefacenti; il fratello, Mattia, era incensurato; Santo ha precedenti per contrabbando di sigarette.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!