Nuovo messaggio minatorio per Fitto

Neppure la firma sul biglietto, “Nuove Brigate Mezzogiorno”, lo farebbe impensierire. Antonio Fitto, sindaco di Maglie, si dice tranquillo ed intenzionato ad andare avanti

Nuove intimidazioni ad Antonio Fitto, sindaco di Maglie. L’altro ieri il primo cittadino ha trovato sul parabrezza della sua auto un bigliettino dal tono minatorio che lo definiva “discepolo di Berlusconi” e lo invitava ad abbandonare la politica. La firma non passa inosservata: “Nuove Brigate Mezzogiorno”, una sigla che farebbe pensare ad un’intimidazione di tipo terroristico. Non è la prima volta che un episodio del genere colpisce Fitto; ad aprile scorso il politico era stato oggetto di altri bigliettini che però riguardavano anche l’attività politica del nipote, il ministro Raffaele Fitto. Stavolta il sindaco è l’unico destinatario del messaggio. Come da sua abitudine, anche l’altra sera Fitto è uscito di casa attorno alle ore 23.30 per la consueta passeggiata serale in centro, ma non si è accorto di a: probabilmente a quell’ora ancora nessun biglietto era stato collocato sul parabrezza. Ciò farebbe pensare ad un appostamento da parte di qualcuno che avrebbe dunque atteso che il primo cittadino si allontanasse da casa per recapitare la “posta”. Fitto non si dice preoccupato. “Ho contatti innumerevoli per il ruolo che ricopro. Quanto accaduto non desta in me particolare preoccupazione perché non credo che dietro questi atti ci sia una vera e propria organizzazione decisa a prendere di mira la persona”. Nessun timore, dunque. “Penso piuttosto a qualcuno che vuole, in maniera poco democratica, cercare di procurare tensione e fastidio per impedirmi di operare serenamente nel pieno delle mie funzioni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!