230 g. di cocaina in casa. Arrestato 21enne

Rinvenuti nell’abitazione di Fabio Tanelli, un 21enne di Lecce, 230 g. di cocaina. Sequestrati a Pisignano nei giorni scorsi 100 g. di cocaina nascosti dietro un muretto a secco

Insospettiti da un continuo via vai di gente da un’abitazione di via Valzani a Lecce, ieri sera i militari della Squadra Mobile di Lecce, con l’intervento di unità cinofile, hanno fatto irruzione nel domicilio sito in località “Aria Sana” perquisendo l’immobile. I poliziotti hanno così rinvenuto una scatola metallica blu contenente l’intero kit per il taglio di sostanze stupefacenti, un accendino, un cucchiaino da caffè, una penna sfera verosimilmente, un coltello da cucina, un bilancino elettronico, numerose buste in cellophane trasparenti, tre involucri di diverse dimensioni contenenti complessivamente circa 230 grammi di cocaina con il nastro gommato che per sigillare le confezioni di stupefacente. Sequestrato il materiale rinvenuto, Fabio Tanelli, 21enne di Lecce, banconista in un bar della città, è stato quindi tratto in arresto con l’accusa di flagranza di reato del delitto di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina ed è stato poi condotto presso il carcere di borgo San Nicola a disposizione dell’autorità giudiziaria. L’operazione della Squadra Mobile ha consentito di interrompere un importante “canale di immissione“ di cocaina perlopiù destinata a giovani frequentatori di discoteche e di locali di ritrovo estivi delle più rinomate località turistiche salentine. A questa operazione si affianca il sequestro di cocaina che è stato operato nei giorni scorsi, in agro di Pisignano di Vernole. Infatti gli agenti hanno rinvenuto nascosto in un muretto a secco in una campagna di Pisignano di Vernole un involucro contenente oltre 100 grammi di cocaina purissima e di altrettanta sostanza da taglio. Il materiale è stato pertanto sequestrato e sono in corso indagini al fine di identificare il “proprietario” della sostanza in questione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!