La Puglia in testa a “Guida Blu”

Legambiente e Touring Club Italiano premiano le spiagge di Otranto, Nardò e Ostuni

Cinque Vele” premia le spiagge più belle e pulite della Penisola, e ai primi posti di questa guida ecco rientrare Otranto, Ostuni e Nardò. Grande soddisfazione all’interno della presentazione di venerdì scorso voluta da Legambiente e Touring Club presso la Sala riunioni della Presidenza della Regione Puglia, alla presenza di Silvia Godelli, assessore al Mediterraneo, Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, Michele Lamacchia, presidente di Anci Puglia, e i rappresentanti dei comuni pugliesi premiati con le “Cinque Vele”. La “Guida Blu” è il frutto del sodalizio fra Legambiente e Touring Club Italiano, le cui valutazioni non riguardano solo la qualità delle acque di balneazione, ma tengono conto di molte altre variabili: qualità delle strutture ricettive, presenza di un bel centro storico, offerta enogastronomica di pregio, vicinanza a luoghi di interesse storico artistico o naturalistico. Luciano Cariddi, sindaco di Otranto, new entry all’interno della guida, ha dichiarato entusiasta: “Le Cinque Vele, che vengono assegnate alla nostra Città, rappresentano un riconoscimento dell’impegno profuso in questi anni dalla nostra Amministrazione, nella direzione della salvaguardia e valorizzazione del patrimonio ambientale di cui Otranto è ricca”. “Sono diverse le iniziative attivate in questi anni – ha aggiunto poi Cariddi – che hanno guardato alla valorizzazione degli habitat e dei siti naturalistici, alle politiche della viabilità cittadina ed extraurbana, alla salvaguardia di coste e pinete, alla istituzione di un’area marina protetta, al miglioramento e potenziamento del sistema depurativo cittadino, alla riqualificazione degli spazi cittadini per aumentarne le isole pedonali, alla istituzione di un Centro di Educazione Ambientale, ed altre ancora”. “Stiamo lavorando affinché questo percorso virtuoso intrapreso possa ulteriormente caratterizzare tutte le scelte future – cnclude il primo cittadino di Otranto – a cominciare da quelle di programmazione urbanistica che ci vedranno impegnati sin dai prossimi giorni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!