Gianfreda abbraccia la proposta di De Masi

Sulla proposta di Ivan De Masi di costituire un’Unione dei Comuni, l’assessore Gianfreda di Collepasso auspica che la proposta venga affrontata con “serietà e scienza”

“Una nuova città con circa 50.000 abitanti nel Basso Salento? Un’idea suggestiva e auspicabile”. La “provocazione” di Ivan De Masi, sindaco di Casarano, che alcuni giorni fa aveva proposto l’unione, in un unico ente, dei comuni di Casarano, Collepasso, Matino e Parabita, trova una sponda in Pantaleo Gianfreda, assessore all’Urbanistica e Sviluppo economico di Collepasso. “L’idea acquista maggiore forza – sottolinea l’assessore – in un momento in cui si ritorna a discutere, talora solo demagogicamente, su costi e riforma della politica e della pubblica amministrazione”. Ma è chiaro, tuttavia, che i costi della politica si riducono sensibilmente se da quattro comuni decidono di diventare solo uno. “Avere un sindaco invece che 4; 20 consiglieri, invece che 70-80; 4-6 assessori, invece che 20-24 – ragiona Gianfreda – un’unica struttura burocratica, capace di dare servizi più diffusi, moderni, qualificati, veloci ed efficienti; un’unica strategia per lo sviluppo, considerato anche le quattro aree industriali contigue; un’unica gestione del territorio, dell’urbanistica, dei servizi ed altro ancora: tutto ciò non sarebbe auspicabile, oltre che suggestivo, in un’area territoriale omogenea, che ha identici interessi ed obiettivi ed esprime attualmente quattro aggregati urbani sostanzialmente contigui?”. “Certamente – sottolinea l’esponente del Pd – ci sono tutte le condizioni e le convenienze perché l’idea coraggiosa e lungimirante di De Masi, che da anni circola negli ambienti culturali e politici più avveduti del territorio, sia discussa e presa in seria considerazione”. Gianfreda rivela, tra l’altro, “come l’esperienza delle Unioni dei Comuni non abbia conseguito complessivamente gli obiettivi prefissati, compreso quello di essere “passaggio intermedio” per forme più avanzate di aggregazione territoriale, e sembra aver esaurito la sua originaria forza propulsiva”. Il tema, comunque, secondo l’assessore, andrebbe affrontato con “serietà e scienza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!